Menu
Cerca

Volano gli insulti in consiglio comunale

A Boltiere, alterco tra il vicesindaco e un consigliere di minoranza

Volano gli insulti in consiglio comunale
Politica 05 Agosto 2017 ore 16:06

Sono volati gli insulti in consiglio comunale di Boltiere. A infiammare gli animi, soprattutto, la sicurezza. E ci è scappato persino un "vaffa". 

La polemica sulla sicurezza

Duro botta e risposta tra il vicesindaco e assessore alla sicurezza Walter Frigeni e il consigliere del gruppo «Osvaldo Palazzini per Boltiere» Massimo Lena. Al centro delle polemiche, oltre al piano finanziario della Tari, soprattutto la questione della sicurezza. Non è piaciuta ai due consiglieri di «Per Boltiere» l’estensione della convenzione di Polizia Locale in atto tra Boltiere e Ciserano anche a Verdellino. «Abbiamo dovuto ratificare una variazione di bilancio perchè sono diminuiti gli introiti derivanti dalle sanzioni al codice della strada - ha detto Lena - questo a nostro parere è indice del fatto che non c’è controllo sul territorio. In effetti a Boltiere è raro vedere in giro gli agenti della Locale. Ora la convenzione è stata estesa anche a Verdellino e l’Amministrazione sostiene che questo porterà grandi vantaggi a Boltiere. In realtà ci sarà soltanto una pattuglia in più per due giorni al mese, un venerdì sì e uno no. In cambio ora è necessario controllare anche tutto il territorio di Verdellino. La verità è che l’estensione della convenzione è stata una scelta obbligata dato che Boltiere contribuisce alla convenzione con un solo agente».

Insulti in consiglio

Le valutazioni di Lena hanno dato il via a un duro botta e risposta con il vicesindaco sfociate persino nell’insulto. "Io ho ascoltato per diversi minuti senza interromperlo il vicesindaco - ha detto Lena - ma quando ho preso la parola io lui non mi ha riservato lo stesso rispetto. Alla fine entrambi ci siamo alterati e l'ho mandato a quel paese".