Menu
Cerca
treviglio al voto

Un assessorato alla salute, ecco la proposta di Tura

La figura ideata da Tura avrebbe anche il compito di  creare le condizioni per accogliere sul territorio i fondi europei stanziati nel Recovery plan

Un assessorato alla salute, ecco la proposta di Tura
Politica Treviglio città, 05 Giugno 2021 ore 13:25

Un assessorato alla salute, è questa una delle proposte di Matilde Tura, candidata sindaco della coalizione "civica", che comprende PD, M5S ed altre liste civiche. Di nuovo, Tura è tornata su uno dei temi a lei più cari: la sanità.

La riorganizzazione del sistema sanitario

"L’evoluzione dei processi di riforma e di riorganizzazione del sistema sanitario Nazionale e Regionale renderanno nel prossimo futuro necessaria e anzi prioritaria un’azione di potenziamento e integrazione dei servizi sociosanitari sul territorio, in cui il Comune avrà un ruolo fondamentale - ha spiegato Tura in un comunicato -  Innanzitutto l’orientamento del processo di riforma della Legge Regionale 23 è quello di promuovere,anche alla luce delle importanti criticità evidenziate dall’emergenza Covid, una maggiore integrazione tra ospedale e territorio. Inoltre a livello nazionale col Recovery plan sono stati stanziati oltre 15 miliardi di euro per sviluppare le reti di prossimità e la sanità territoriale, con particolare riferimento alle Case di comunità, che saranno realizzate entro il 2026, in Lombardi una ogni circa 50mila abitanti".

L'idea di un assessorato ad hoc

Secondo Tura per concretizzare tutto ciò è necessario istituire una figura "ad hoc". "Perché tutto questo si traduca in un aumento reale e concreto della qualità e dell’accessibilità dei servizi sul territorio e in particolare nella nostra Città, è fondamentale dotarsi di un’adeguata figura, organica alla Giunta comunale, in grado di accompagnare, monitorare, coordinare attivamente e proattivamente il declinarsi questi processi nel contesto cittadino - ha aggiunto -  Abbiamo deciso pertanto di istituire un Assessorato alla Salute e all’Integrazione Sociosanitaria, con le seguenti prerogative: svolgere un’attività di monitoraggio dell’attività dell’ASST all’interno di un tavolo tematico in cui siano presenti esponenti istituzionali della Regione che ha competenza diretta in materia sanitaria; promuovere e coordinare un tavolo permanente di lavoro con i professionisti della salute attivi in città (Medici di Medicina Generale, Pediatri di Libera Scelta, Infermieri di famiglia e di comunità…); organizzare sul territorio attività di prevenzione e di screening nelle scuole, in collaborazione coi Dirigenti Scolastici, nelle piazze, nei quartieri".

Un'attenzione al Recovery plan

La figura ideata da Tura avrebbe anche il compito di  creare le condizioni per accogliere sul territorio i fondi europei stanziati nel Recovery plan per l’istituzione delle Case della salute, strutture concepite come luogo della presa in carico della persona, in cui la sfera della salute si intersecherà alle tematiche sociali, dotate di importanti risorse per sviluppare l’assistenza di prossimità, la telemedicina e la diagnostica di primo livello. Inoltre, sarà suo compito continuare a monitorare l’evoluzione dell’emergenza pandemica, supervisionando e supportando operativamente tutte le attività di prevenzione e di screening ad essa connesse.

TORNA ALLA HOME