Striscione anti-Salvini rimosso a Brembate, infuria la polemica

Anche i sindacati dei Vigili del fuoco condannano l'accaduto: "Non facciamo propaganda".

Striscione anti-Salvini rimosso a Brembate, infuria la polemica
13 Maggio 2019 ore 17:43

Non si placano le polemiche sullo striscione di contestazione al vicepremier Matteo Salvini comparso stamattina a Brembate e fatto rimuovere dai Vigili del fuoco.

Lo striscione anti-Salvini

Stamattina, lunedì 13 maggio 2019, il ministro degli Interni è arrivato a Brembate per la campagna elettorale in vista delle Amministrative. Ad accoglierlo, oltre a una folla di sostenitori, anche uno striscione che recitava “Non sei il benvenuto”. Il vessillo, però, è stato fatto rimuovere chiamando in causa un equipaggio dei Vigili del fuoco, intervenuto con un’autoscala.

Polemiche roventi

La questione, ovviamente, ha scatenato il finimondo. A chiedersi chi ha dato l’ordine di intervenire è stato (tra i primi) il sindaco di Bergamo Giorgio Gori (Pd).

Polemico anche l’ex segretario dem Maurizio Martina:

Qualsiasi messaggio difforme dal pensiero di Salvini va rimosso e zittito? E’ accaduto anche questa mattina al suo passaggio a Brembate. Dalle TV alle strade. Viva la libertà di opinione, di parola, di pensiero! Sempre!

Ordine della Questura

La risposta è arrivata dal comandante dei Vigili del fuoco di Bergamo Calogero Turturici, che ha spiegato che l’ordine è arrivato direttamente dalla Questura. Turturici ha spiegato che la richiesta è arrivata alle 7.58 e si è aspettato l’inizio del turno delle 8 per procedere. Il comandante ha poi dichiarato che i pompieri devono collaborare con le forze di polizia e dunque  l’operazione è stata effettuata in questo senso.

La nota dei Vigili del fuoco

A seguire è arrivata anche una nota della Cgil dei Vigili del fuoco, che condannano l’accaduto.

“È inaccettabile assistere ad una cosa del genere – si legge – Vedere che i Vigili del fuoco sono usati impropriamente per rimuovere uno striscione che non determina nessun pericolo per la pubblica incolumità non ha giustificazione. A Bergamo le unità di soccorso sono ormai ridotte all’osso come nel resto del Paese; per poi assistere ad una scena paradossale. Ci chiediamo se un vigile fosse caduto, visto che siamo gli unici senza copertura Inail, cosa sarebbe successo: “al danno si sovrapponeva la beffa”.

Le parole di Salvini

“Ognuno può scrivere quello che vuole, basta che non metta in pericolo la sicurezza di cittadini e forze dell’ordine”, si è limitato a commentare il ministro dell’Interno.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia