Calvenzano

Sgravi Tari, l’Amministrazione le applica anche alle famiglie

Le riduzioni di tariffa verranno calcolate sulla seconda rata (saldo) della Tari.

Sgravi Tari, l’Amministrazione le applica anche alle famiglie
Politica Gera d'Adda, 01 Agosto 2021 ore 17:42

Nell'ultimo Consiglio comunale del mandato l'Amministrazione di Calvenzano ha deciso sgravi Tari sia per singoli e famiglie, sia per le attività colpite dal "lockdown" dovuto alla pandemia.

Gli sgravi Tari decisi in Consiglio

Sgravi sulla Tari, la tassa sui rifiuti, per l’anno 2021 sia alle utenze non domestiche, sia per le utenze domestiche (le famiglie). Li ha decisi l’Amministrazione di Calvenzano che, giovedì, ha portato in Consiglio comunale la proposta di delibera riguardante le agevolazioni tariffarie legate al perdurare dell’emergenza Covid-19. Un intervento che, complessivamente, impegna risorse per circa 62mila euro. "Il Decreto Legge 72/2021 ha destinato al Comune di Calvenzano 24.494,68 euro finalizzati a prevedere uno sconto sulla tariffa Tari per le utenze non domestiche - ha spiegato il sindaco Fabio Ferla -. A questa somma abbiamo aggiunto 37.462 euro della quota vincolata dell’avanzo di Bilancio 2020, riguardante i fondi Covid, per ampliare la platea di beneficiari sia tra le utenze non domestiche che tra le utenze domestiche, quindi persone e famiglie".

Le cifre del beneficio

La Giunta di Calvenzano ha così determinato, per tutte le utenze domestiche (senza distinzioni di reddito), uno sgravio di tariffa pari al 20% calcolato sulla parte variabile della Tari. Percentuali differenziate (calcolate sempre sulla parte variabile della tariffa), invece, di sconto riguardano le utenze non domestiche. La riduzione è pari al 50% a favore di tutte quelle attività commerciali che hanno subito chiusure obbligatorie o restrizione delle proprie attività nel periodo di lockdown 2021: ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub, pizza al taglio, bar, caffé, pasticcerie, parrucchiere, estetiste e agenzie di viaggio. A tutte le altre utenze non domestiche viene applicata una riduzione del 30% ad esclusione di attività come banche, uffici postali, edicole, farmacie, tabaccai, plurilicenze, supermercati, pane e pasta, macellerie, salumi e formaggi, generi alimentari, plurilicenze alimentari e/o miste, ortofrutta, pescherie, fiori e piante.
Le riduzioni di tariffa verranno calcolate sulla seconda rata (saldo) della Tari.