Brignano

Sanità lombarda d'eccellenza? Bolandrini scatena le polemiche

I vertici provinciali provinciali di Lega e Forza Italia si scagliano contro il primo cittadino di Brignano.

Sanità lombarda d'eccellenza? Bolandrini scatena le polemiche
Politica Gera d'Adda, 13 Giugno 2020 ore 16:54

Un commento non proprio lusinghiero del sindaco di Brignano Beatrice Bolandrini, in Consiglio comunale, sulla sanità lombarda ha scatenato le polemiche con Lega e Forza Italia.

Sanità lombarda, il commento del sindaco

Nell'ultima seduta del Consiglio comunale di Brignano - svoltasi a porte chiuse - un commento del sindaco Beatrice Bolandrini ha mandato su tutte le furie gli esponenti di Lega e Forza Italia. All'ordine del giorno c'era la variazione di Bilancio per investire i 350mila euro che la Regione ha destinato al Comune per l'emergenza Covid-19, da investire su progetti per il territorio (l'Amministrazione li ha destinati al Centro sportivo). Maria Clelia Sabadini, consigliere di minoranza della Lega, nella dichiarazione di voto, ha elogiato l'operato del presidente Attilio Fontana e della sua Giunta. "Mi ha fatto venire la pelle d'oca - ha replicato il primo cittadino - perché penso che 350mila euro per pulirsi la coscienza siano un pochino pochi. Credo e spero che chi sta lavorando alle indagini sulla Regione ci dia dei risultati, che non porteranno indietro le persone che sono morte in questa epidemia, dove la sanità lombarda non è proprio minimamente emersa come eccellenza".

Forti le reazioni politiche in casa Lega

Le parole di Bolandrini non sono andate giù ai vertici provinciali dei partiti di centrodestra che in una nota congiunta hanno replicato al sindaco di Brignano. "Abbiamo vissuto mesi drammatici e Regione Lombardia - ha dichiarato Giulio De Capitani, commissario della Lega per la provincia di Bergamo - ha dovuto affrontare da sola questa pandemia, costruendo ospedali, recuperando dispositivi di protezione individuali non resi disponibili dal Governo e stanziando ingenti risorse per Comuni e Province. Stupisce, quindi, che a pronunciare queste parole sia proprio un sindaco, che più di chiunque altro, avendo affrontato in prima linea questa emergenza, dovrebbe sapere come stanno realmente le cose. Spiace constatare che oltre agli assurdi attacchi da parte di Pd e Cinque Stelle, che ovviamente sperano di sfruttare quanto accaduto per screditare l’operato di Regione Lombardia e recuperare un po’ di consenso, un primo cittadino si lasci andare a dichiarazioni di questo tipo in un momento delicato quale è quello che stiamo affrontando".
"Le affermazioni rilasciate dal sindaco Bolandrini in Consiglio Comunale sono inaccettabili e di una gravità assoluta. Anche nel pieno dell’emergenza, Beatrice Bolandrini ha negato qualsiasi confronto, bocciando anche delle proposte costruttive per il bene della nostra comunità - ha rincarato la dose Stefano Biffi, capogruppo della Lega in Consiglio -. Questi atteggiamenti arroganti, dettati dal suo protagonismo, creano solo problemi ai brignanesi in questi momenti difficili e danneggiano l'immagine della nostra comunità. Le sue dichiarazioni sembrano dettate da una rivincita personale per la pessima figura che ha fatto candidandosi due anni fa alle regionali. Non è colpa di Fontana, caro sindaco, se i bergamaschi non ti hanno voluta".

Parole di condanna anche da Forza Italia

"Regione Lombardia ha preso in faccia uno tsunami ed era sulla spiaggia quando è arrivato. Probabilmente ci sono stati degli errori e sarà compito di chi sta conducendo le indagini appurare di chi sia stata la responsabilità, ma non possiamo dimenticare che Regione ha combattuto a mani nude e da sola questa violenta e tragica emergenza, senza un aiuto da parte del Governo che, paradossalmente, in più di un’occasione, ha cercato anche di metterci i bastoni tra le ruote - è il pensiero della senatrice Alessandra Gallone, commissario di Forza Italia per la provincia di Bergamo -. Tutti noi abbiamo sofferto e stiamo ancora soffrendo per quanto accaduto, ma dichiarazioni di questo tipo da parte di un sindaco sono inaccettabili e fuori luogo. Questo significa voltare le spalle a una regione che non ha mai abbandonato i suoi amministratori e i suoi cittadini, a una regione dove vengono a curarsi ogni anno 160 mila persone e che trasferisce ogni anno allo Stato 54 miliardi con i quali sostiene anche la sanità nazionale. Nessuno, ma tantomeno un primo cittadino, dovrebbe mai dimenticarlo". Nel merito è intervenuto anche Loris Scaravaggi, coordinatore di Forza Italia nella Bassa Bergamasca: "Mi sorprende che un sindaco della Lombardia faccia dichiarazioni di questo tipo senza attendere l’esito del lavoro che compete alla magistratura. Sicuramente in Bergamasca e più in generale in Lombardia abbiamo pagato un prezzo altissimo, ma dovremmo fare due calcoli considerando anche il numero di abitanti della nostra regione prima di mettere in dubbio l’efficienza del nostro sistema sanitario. Detto ciò se il sindaco Bolandrini non vuole ricevere per protesta i 350 mila euro destinati da Regione Lombardia al suo Comune sappia che può benissimo rinunciare".

TORNA ALLA HOME