Politica
Palosco

Rilloglio, "Palosco Adesso" suona la sveglia all'Amministrazione. Bocciata l'idea dell'area cani

Chi  gestirà una delle più frequentate aree verdi del paese. Intanto l'Amministrazione Mazza frena sull'area per i cani. "inserita all’interno dei programmi di due forze politiche che rappresentano il 58% degli elettori", denuncia Redolfi.

Rilloglio, "Palosco Adesso" suona la sveglia all'Amministrazione. Bocciata l'idea dell'area cani
Politica Media pianura, 04 Settembre 2022 ore 09:08

Parco del Rilloglio: chi  gestirà una delle più frequentate aree verdi di Palosco? A chiederselo sono i membri della lista civica di minoranza «Palosco Adesso», che nell’ultimo Consiglio comunale hanno presentato un’interrogazione «ad hoc» per trattare il tema.

Palosco Adesso, interrogazione sul parco Rilloglio

A gestire il parco, fino a poco tempo fa, era infatti un’associazione del territorio. Scaduta la convenzione, non c’è stata più un’indicazione rispetto a chi debba gestire il parco. Secondo «Palosco Adesso», però, a fronte di diversi investimenti che hanno posto nel parco un’area giochi e una zona picnic sarebbe necessario individuare un’associazione che se ne occupi. Inoltre, per l’opposizione sarebbe interessante collocare in quell’area anche uno spazio dedicato allo sgambamento dei cani.

"Ci è stato risposto che la gestione del verde del parco Rilloglio è stata affidata in data 20 giugno 2022 a un professionista, ma non era questo l’oggetto della nostra interpellanza – ha specificato Santina Redolfi, capogruppo di Palosco Adesso –  In passato quest’area era stata affidata a un’associazione, con una convenzione che è cessata. Abbiamo chiesto i motivi per i quali non è stato possibile individuare altre associazioni che la gestissero: oltre delle aree a verde, anche dell'area giochi e dell'area pic-nic appena riqualificate con una spesa di 100mila euro. L'Amministrazione comunale ha dichiarato di avere cercato di affidare il parco ad associazioni del territorio che, dopo primaria disponibilità, hanno rifiutato l'incarico, a dire dell'Amministrazione "a causa dell’impegno ingente che lo stesso avrebbe richiesto”. La realtà dei fatti è che l'Amministrazione non ha voluto sostenere le spese che sarebbero rimaste a carico dell’associazione. Tutto questo con un disavanzo di Amministrazione a Bilancio di 600mila euro".

In ogni caso resta prioritaria un’area cani "inserita all’interno dei programmi di due forze politiche che rappresentano il 58% degli elettori", "L’Amministrazione non ha dato disponibilità né per gestirla né a livello economico– ha detto in conclusione Redolfi – per questo motivo abbiamo organizzato una raccolta firme".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter