Circoli di Treviglio e Caravaggio

Rifondazione comunista in presidio: "Covid, aiuti insufficienti alle famiglie"

Il 25 luglio alle 17 davanti al municipio di Treviglio si terrà la manifestazione alla quale presenzierà il segretario regionale Fabrizio Baggi.

Rifondazione comunista in presidio: "Covid, aiuti insufficienti alle famiglie"
Politica Treviglio città, 21 Luglio 2020 ore 14:58

Maggiore attenzione e più risorse per chi ha perso il reddito. E' ciò che chiede Rifondazione Comunista Bassa Bergamasca per affrontare le difficoltà socio-economiche del post Covid. Per dar voce al disagio di chi si trova in difficoltà è stato indetto un presidio per il prossimo 25 luglio alle 17 davanti al municipio di Treviglio al quale presenzierà Fabrizio Baggi, segretario regionale di Rifondazione Comunista.

Crisi post Covid: "Aiuti insufficienti"

La grave crisi economica, legata all’emergenza Covid-19, avrà tempi lunghi. La perdita dei posti di lavoro già interessa tante fabbriche. E' previsto un aumento della disoccupazione anche per il 2021 e più un generale una pesante crisi sociale.

"Il Governo ha adottato alcune misure emergenziali per evitare la perdita dell’abitazione: il blocco delle esecuzioni di sfratti per morosità incolpevole e lo sblocco delle risorse assegnate alle Regioni (conseguentemente ai Comuni) per i contributi affitto. Il Decreto rilancio ha prorogato la sospensione degli sfratti per appartamenti residenziali, per artigiani e commercianti fino al 31 dicembre 2020 - si legge in una nota dei circoli di Rifondazione comunista di Treviglio e Caravaggio - Si tratta di misure che si stanno dimostrando sempre più insufficienti a fronte dei bisogni che si rilevano fra la cittadinanza. Infatti il contributo affitti, sulla base delle risorse messe a disposizione da Governo, Regione Lombardia (dgr. 3008/2020) nonché – nella nostra zona – dall’Azienda consortile “Risorsa Sociale Gera D’Adda” (che riunisce 18 Comuni, tra cui Treviglio e Caravaggio), riuscirà a dare un aiuto solo all'8% delle famiglia in morosità incolpevole (e i Comuni di Treviglio e Caravaggio, invece di integrare le risorse, hanno scelto di chiudere anticipatamente il bando per l’assegnazione dei contributi)".

Emergenza alimentare, imposti limiti discrimatori

"Anche i fondi per gli aiuti alimentari non sono stati sufficienti a coprire i bisogni dei “poveri assoluti” registrati nei comuni della bassa bergamasca ancora prima dell’emergenza Covid e aumentati vertiginosamente nel corso dell’emergenza. Anche in questo caso il comune di Treviglio – secondo i dati che abbiamo raccolto – ha imposto limiti ingiustamente discriminatori escludendo dal sostegno numerose famiglie in difficoltà - aggiungono - Infine, il blocco degli sfratti fino a fine anno, se rappresenta un sollievo per tante famiglie che stanno perdendo casa, deve essere accompagnato – tanto a livello nazionale quanto a livello locale – da un drastico cambiamento nelle politiche per il diritto alla casa".

Presidio e proposte

Durante la conferenza stampa Rifondazione Comunista di Treviglio e Caravaggio illustrerà i dati raccolti sull’emergenza sociale nel territorio, nonché le proposte per dare una risposta all’impoverimento generalizzato che colpisce le fasce più fragili della società e per rivedere le politiche abitative sulla base di una riduzione generalizzata dei canoni di affitto e l’ampliamento del patrimonio residenziale pubblico senza nuovo consumo di suolo.

TORNA ALLA HOME