Politica
Cologno

Rientro a scuola tra cantieri, nuova dirigenza e pasto più caro

Temi di cui si è discusso martedì sera in Consiglio comunale, con la presentazione del Piano per il diritto allo studio

Rientro a scuola tra cantieri, nuova dirigenza e pasto più caro
Politica Pubblicazione:

Anche a C0longno la campanella sta per suonare e quest’anno al rientro tra i banchi di scuola gli alunni (ma anche le loro famiglie) dovranno fare i conti con diverse novità: i cantieri aperti e le relative difficoltà logistiche, la nuova dirigente scolastica Giuseppina Carminati in reggenza appena nominata e l’aumento del costo del pasto in mensa di un euro secco.

Rientro a scuola

Complicanze di cui si è discusso martedì sera in Consiglio comunale, con la presentazione del Piano per il diritto allo studio. A suscitare la discussione sono stati i temi degli ingenti investimenti investimenti a fronte del calo demografico, del trasporto scolastico e della mensa. Illustrati iniziative, servizi e numeri relativi alla fruizione di questi ultimi.

"Il trasporto scolastico è utilizzato da 11 bambini della scuola dell’infanzia (11,5%), 61 della primaria (13%), 18 delle medie (6,29%) - ha spiegato la sindaca Chiara Drago, in totale il 10% della popolazione scolastica. Per quanto riguarda la refezione, per la materna è obbligatoria, alla primaria la utilizzano ben 328 ragazzi su 468 (70%), il numero più alto degli ultimi anni".

Alle medie manca ma con la nuova mensa in costruzione l’Amministrazione auspica di poterlo attivare, inserendo anche l’orario prolungato che oggi non c’è (8-14 per cinque giorni la settimana), viste le esigenze dei genitori che ormai per la maggior parte dei casi lavorano entrambi.

Cantieri aperti

"Quest’anno avremo quattro cantieri attivi - ha spiegato - quello del Polo Zerosei è partito nel mese di luglio per un investimento di oltre tre milioni di euro, e si sta perfezionando il tutto in vista dell’inizio dell’anno per la scuola dell’infanzia che sarà il 5 settembre. Poi ci sarà la messa in sicurezza e l’efficientamento energetico della primaria per quasi un milione di euro, a cui si aggiungono 210mila euro per completare la sostituzione dei serramenti del primo e secondo piano. C’è quindi il cantiere per le medie per 2,6 milioni di euro, anche qui per l’efficientemento energetico dell’edificio: parte in questi giorni. Abbiamo poi stanziato 50mila euro di fondi nostri per gli interventi d’urgenza effettuati quest’estate per il necessario raccordo tra i cantieri e l’utilizzo da parte delle scuole dei nostri spazi con l’inizio del nuovo anno. Infine 792mila euro di fondi Pnrr serviranno per la nuova mensa delle medie, il cantiere sarà aperto nei prossimi mesi, più fondi comunali per quasi 200mila euro. Si aggiungano poi altri 70mila euro sono stati stanziati per la manutenzione straordinaria della scuola primaria, bagni e seminterrato, 21mila 300 euro per la palestra delle medie, con i lavori che sono quasi terminati, più ulteriori 5.200, e infine 4.700 euro per nuovi arredi della primaria".

I servizi

Il primo a sollevare qualche perplessità è stato il consigliere di centrodestra Robert Carrara, che ha fatto notare come la crisi demografica potrebbe "ricadere sulle strutture" e come il servizio del trasporto scolastico sia poco sfruttato. A ruota anche il capogruppo della civica "Cologno Concreta" Massimiliano Del Carro, che ha rimarcato come in minore utilizzo delle auto private permetterebbe "un minor impatto ambientale, meno stress per i genitori che devono fare le corse per timbrare e intasamento delle strade" e ha chiesto maggiore impegno nel sensibilizzare le famiglie. Tanto più che i cantieri ridurranno inevitabilmente i parcheggi.

"Da un punto di vista demografico, fornire servizi in più ci farà avere delle ricadute positive, le famiglie li richiedono, come quello della mensa - ha osservato Drago - quanto al trasporto le famiglie pagano il 36% del servizio il resto è a carico del Comune, la percentuale di chi lo usa non è altissima ma le famiglie lo richiedono e dobbiamo fornirlo almeno per gli alunni che appartengono a quelle fasce di età in cui non possono recarsi da soli a scuola: se accade qualcosa emerge subito il tema delle responsabilità... C’è sempre il tema della sicurezza, a volte dell’eccessiva protezione".

E qui sia Drago che Del Carro hanno espresso un po’ di nostalgia per gli anni ‘80, in cui la maggior parte dei bambini andava da solo a scuola, a piedi o in bicicletta: la società è cambiata, non c’è dubbio, il traffico è aumentato, vero anche questo, ma forse le famiglie erano più avvezze a responsabilizzare i figli che a presentare denunce.

"In paese il servizio è poco usato perché probabilmente c’è il supporto dei nonni o di amici - ha concluso la prima cittadina - L’informazione arriva a tutti. Visti i disagi che ci saranno per i cantieri, chiederemo ai genitori dove possibile di non usare l’auto o di lasciarla più lontano e fare un tratto a piedi. Speriamo di poter riattivare il Piedibus".

E qui il problema è quello della carenza dei volontari. Il consigliere indipendente Francesco Basile dal canto suo ha sottolineato come all’interno del giardino della scuola non sono più utilizzate.

"Col Covid erano state spostate nel parcheggio di fianco alla primaria - ha spiegato Drago - anche a noi farebbe piacere se tornassero all’interno dello spazio scolastico: ne parleremo alla nuova dirigente, tuttavia con il cantiere in corso non è l’anno migliore".

"Quanto al Piedibus se c’è l’intenzione le cose si fanno, una volta la settimana, al mese, all’anno... - ha puntualizzato - Se è saltato in questi anni si evidenzia una difficoltà organizzativa e progettuale. Siamo la “piccola Copenaghen? Meritiamoci il titolo». In conclusione il dibattito si è spostato sulla mensa: «Come annunciato nel Previsionale il costo del pasto prevede un aumento importante, da cinque a sei euro - ha rivelato la sindaca - dovuto all’inflazione e al nuovo appalto: già l’anno scorso il pasto costava più di quant’era pagato e la differenza è stata assorbita dal nostro bilancio, ma senza più fondi straordinari Covid e altro non possiamo più farlo".

Seguici sui nostri canali