Politica
Casirate

Polizia locale, votato il recesso dalla convenzione. Tensioni in Consiglio

Dal 1° gennaio 2023 i due agenti in organico al Comune torneranno a lavorare esclusivamente in paese. L'Amministrazione sta lavorando ad un accordo di "soccorso" con Treviglio per la gestione del servizio.

Polizia locale, votato il recesso dalla convenzione. Tensioni in Consiglio
Politica Gera d'Adda, 30 Dicembre 2022 ore 15:40

Casirate è uscita ufficialmente dalla convenzione per la gestione associata del servizio di Polizia locale che, dal 2011, la vedeva collaborare con i Comuni di Arzago e Calvenzano. Una "decisione politica", l'ha definita il sindaco Manuel Calvi, che ha generato tensioni nell'ultima seduta del Consiglio comunale. Forti critiche dal gruppo di minoranza, si sono astenute dal votare la delibera l'assessore alla Cultura, Biblioteca e Politiche giovanili Silvia Leoni e la consigliera di maggioranza Sabina Mambretti.

Polizia locale, Casirate esce dalla convenzione a tre

La notizia era nell'aria da qualche mese ed ora è ufficiale. Mercoledì sera in Consiglio comunale l'Amministrazione di Casirate ha votato - 6 voti a favore, 2 astenuti e il voto contrario della lista di minoranza "Un'idea in Comune" - il recesso dalle funzioni associate di Polizia locale che dal 2011 la vedeva collaborare prima solo con il Comune di Arzago e, dal 2014, anche con Calvenzano. Una decisione che il sindaco Manuel Calvi ha definito "politica" in Aula, ma che ha scatenato le proteste dei consiglieri di minoranza.

Il capogruppo Andrea Pavesi ha fortemente criticato la decisione di uscire dalla convenzione e ha bollato l'Amministrazione Calvi come una "Amministrazione dei colpi di testa", ricordando anche le modalità usate in passato (quando il primo cittadino era Mauro Faccà) di uscire dalle altre funzioni associate che Casirate condivideva sempre con Arzago e Calvenzano.

Le tensioni in Aula durante il dibattito

La scelta politica dell'Amministrazione di Casirate di uscire dalla convenzione a tre per la gestione del servizio di Polizia locale l'ha sintetizzata il sindaco Manuel Calvi. "Per me cinque diviso tre non fa due", ha detto riferendosi al fatto che da anni ormai a gestire il territorio dei tre Comuni siano operativi (solo) cinque agenti. E, soprattutto negli ultimi anni, secondo Calvi, lo sviluppo territoriale del paese - su cui ricade un casello autostradale e l'insediamento di logistiche come Mitsafetrans, Amazon e Finiper nella zona produttiva - sia radicalmente cambiato, portando nuove criticità da gestire.

"Con i sindaci di Arzago e Calvenzano ci siamo incontrati, informalmente, più volte per valutare come potenziare il servizio, ma non si è arrivati a nulla - ha proseguito il primo cittadino - A fine settembre ho scritto una lettera con la quale annunciavo il nostro recesso dalla convenzione se non fossero cambiate le cose. E siamo arrivati a oggi...".

La contestazione della minoranza

Dura la posizione del gruppo di minoranza "Un'idea in comune" che ha contestato anche i contenuti della delibera in votazione.

Quali sono le motivazioni per questo recesso? Nella delibera non c'è scritto nulla. Perché dobbiamo votare per recedere dal servizio? Non si poteva discutere prima la cosa in Consiglio comunale? - sono alcune delle perplessità espresse dal capogruppo Andrea Pavesi - Perché si scioglie una convenzione firmata un anno fa? La situazione critica legata alle logistiche era più pressante un anno fa non oggi. E allora perché usciamo oggi? Non c'è una parola nel testo della delibera sulle motivazioni del recesso. Sono allibito. Non andava gestita così la situazione. Passiamo per una Amministrazione dei colpi di testa.

Il sindaco Calvi ha così replicato alle critiche.

Sono state fatte alcune valutazione sul servizio. Se farete un'interrogazione risponderemo nel dettaglio circa le motivazioni - ha dichiarato -. Dal 1° gennaio intanto riportiamo a casa i nostri due vigili (Lara Maccarini e Michele Zasso, ndr). Poi nel giro di 10 o 15 giorni verrà approvato un accordo di "soccorso" con Treviglio, Il vice commissario del Comando farà da supervisore e coordinatore dei nostri agenti. A pagamento, poi, potremo usufruire di servizi di pattugliamento da parte del Comando di Treviglio. Poi si valuterà che strada intraprendere: una possibilità è una convenzione con Treviglio o con un altro Ente.

Colpo di scena durante la votazione

Prima di mettere al voto il recesso del Comune di Casirate dalla convenzione per la gestione associata del servizio di Polizia locale il sindaco Calvi ha aggiunto che sta attendendo di capire, dai colleghi sindaci di Arzago e Calvenzano, come saranno ripartiti i beni strumentali acquistati in convenzione per gli agenti.

La delibera in Aula è passata con 6 voti favorevoli da parte del gruppo di maggioranza Insieme per Casirate, ma non senza una sorpresa: si sono astenute l'assessore alla Cultura, Biblioteca e Politiche Giovanili Silvia Leoni e la consigliere di maggioranza Sabina Mambretti che, si è appreso durante il Consiglio, ha rimesso nelle mani del sindaco le deleghe che riguardavano la Scuola. Dalla minoranza sono arrivati i voti contrari di Pavesi, Luca Gelfi, Michela Bonetti e Walter Mandelli.

 

Seguici sui nostri canali