Treviglio

Nidi gratis, per 44 famiglie rette azzerate all'asilo "Giragulì"

L'Amministrazione ha fatto la scelta politica di mantenere il servizio "in house" nonostante gli alti costi di gestione.

Nidi gratis, per 44 famiglie rette azzerate all'asilo "Giragulì"
Politica Treviglio città, 01 Settembre 2021 ore 16:38

Nidi gratis, a Treviglio tra il 2019 e il 2020 sono 44 le famiglie che hanno visto azzerata la retta di frequenza all'asilo Giragulì. Numeri che confermano l'importanza della misura attivata da Regione Lombardia a sostegno della famiglie con Isee inferiore a 20mila euro.

Partire dalla formazione

"Mi piace innanzitutto porre l’attenzione sulla formazione: si sono realizzati dei percorsi con il coordinamento Provinciale, l’Ambito e i Comuni, che hanno affrontato temi sulla crescita relazionale del bambino e quanto i servizi socio-educativi siano un punto di riferimento per la Comunità laddove si creino anche occasioni di socialità e confronto tra genitori - ha commentato la vicesindaco Pinuccia Prandina - Ho iniziato dalla formazione perché nell’ambito delle politiche familiari, la presenza di servizi per l’infanzia di qualità costituisce una primaria componente per la formazione e il sostegno alla genitorialità e ai percorsi di crescita dei bambini".

La misura Nidi gratis

L'emergenza sociale conseguenza di quella prettamente sanitaria dovuta alla pandemia da Covid-19 ha poi complicato una situazione già delicata per molte famiglie con bimbi piccoli. La misura "Nidi gratis" di Regione Lombardia è attiva dal 2014 con l’obiettivo di sostenere le famiglie in condizione di vulnerabilità economica e sociale per facilitare l’accesso ai servizi per la prima infanzia. I comuni possono aderire al finanziamento presentando, ogni anno, la relativa domanda, con il vincolo di avere delle tariffe agevolate e commisurate all’Isee e di non aumentarle.

"L’Amministrazione Comunale di Treviglio ha aderito sin da subito alla misura, avendo applicato da molto tempo l’Isee lineare personalizzato nei servizi all’infanzia comunali - ha confermato la vicesindaco - Quest’agevolazione e sostegno economico hanno rappresentato per le famiglie, che ne hanno fatta richiesta, un grande aiuto con l’azzeramento della retta. Il rimborso è stato versato dalla Regione direttamente ai Comuni in nome e per conto delle famiglie, dopo aver analizzato la richiesta del richiedente e aver ritenuto validi i requisiti".

Un progetto quello della misura “Nidi gratis” che ha promosso anche azioni destinate a favorire la partecipazione delle donne al mercato
del lavoro garantendo un’adeguata disponibilità di accesso, la qualità del personale e dell’ambiente.

A Treviglio nido gratis per 44 famiglie

Tra il 2019 e il 2020 ben 90 famiglie con Isee fino a 20mila euro hanno usufruito del “Nido gratis”. Quest’ultimo anno 2020-21, il Bonus Inps ha coperto fino a 272,72 euro della retta di ogni servizio pubblico e privato per la misura “Nidi gratis” e la Regione Lombardia ha coperto totalmente la retta superiore a 272,72 euro azzerando, di conseguenza, l’intero costo per chi ha Isee pari o inferiore a 20mila euro e frequenta un servizio pubblico. Nell’ambito poi degli interventi normativi è presente una forma di assistenza domiciliare attraverso un contributo a favore di bambini, con meno di tre anni, affetti da gravi patologie croniche.
Quest’anno al nido comunale “Giragulì” ben 44 famiglie su 60 (73.33%) hanno avuto la totale gratuità.

E il servizi resta "in house"

"Durante la pandemia Comune e Ambito hanno sostenuto i nidi privati, anche economicamente, aiutandoli a superare la difficile fase del lockdown e la successiva ripartenza, riconoscendo il ruolo strategico dei privati a integrazione della valida offerta comunale - ha concluso Prandina - Nel 2021 il Comune di Treviglio, dopo la ristrutturazione dello spazio-nido “Giragulì” ha fatto la scelta politica di mantenere, nonostante gli alti costi di gestione, “in house” il nido, in controtendenza a molti paesi e città bergamasche che hanno scelto, da tempo, l’esternalizzazione del servizio".