Malanchini: “Di Gori più nessuna traccia, il suo nome cancellato dal gruppo consiliare”

Dopo l'amara sconfitta del Pd alle ultime elezioni regionali, il consigliere e segretario della Lega Giovanni Malanchini torna a bacchettare il sindaco di Bergamo Giorgio Gori.

Malanchini: “Di Gori più nessuna traccia, il suo nome cancellato dal gruppo consiliare”
Treviglio città, 30 Maggio 2018 ore 11:46

Dalla Regione il consigliere segretario Giovanni Malanchini bacchetta il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori.

Il fantasma di Palazzo Pirelli

“Da oggi anche Palazzo Pirelli ha il suo fantasma: trattasi del candidato alle regionali Giorgio Gori. Dopo un mese di tira e molla, indeciso se restare in carica come consigliere regionale di opposizione tra le fila del Consiglio regionale lombardo o tornare a orecchie basse a fare il sindaco di Bergamo, oggi del signor Gori non vi è più traccia – ha dichiarato senza troppi mezzi termini Malanchini – Con la delibera pervenuta in Ufficio di Presidenza, il suo nome sparisce anche dalla denominazione della sua lista civica. I compagni del primo cittadino orobico, infatti, non hanno perso tempo e a poco più di un mese di distanza dalla sua uscita di scena in Consiglio regionale il gruppo “Gori Presidente” diventa “Civici Lombardia Europeisti”. Insomma, della meteora Gori, che se ne andò dichiarandosi comunque disponibile a supportare la sua lista, se ne sono voluti liberare anche i suoi, dopo che lo hanno fatto gli elettori”.

Il pensiero alle prossime amministrative

Ma il cambio della denominazione del gruppo consiliare “Gori Presidente”, non è stata l’unica provocazione lanciata da Malanchini, che ha  aggiunto: “La delibera presentata dalla presidente del fu gruppo “Gori Presidente”, altro non è che l’ennesima mazzata per Giorgino: dopo la clamorosa sconfitta alle elezioni, la débâcle del suo partito e il suo ritorno a Bergamo, dove tra un anno auspichiamo abbia la decenza di non ricandidarsi, ora viene anche cancellato l’unico segno del suo passaggio a Palazzo Pirelli, dove il sindaco voleva “Fare meglio”. Che dire?  In questo caso aveva ragione Gori, di meglio non poteva fare”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia