Politica
Torlino Vimercati

Maggiore dignità agli infermieri: la mozione della minoranza torlinese

Il gruppo consiliare appoggia le richiese contenute nella lettera della Federazione nazionale degli ordini delle professioni Infermieristiche

Maggiore dignità agli infermieri: la mozione della minoranza torlinese
Politica Cremasco, 05 Febbraio 2022 ore 16:29

Più dignità agli infermieri: sostenere le rivendicazioni della categoria, che ha recentemente scritto a Governo, Parlamento e Regioni per chiedere maggiore dignità professionale. È il contenuto di una mozione che la minoranza "NuovaVita per Torlino" vuole discutere durante la prossima seduta del Consiglio comunale.

La lettera di FNOPI

Il testo, elaborato dai consiglieri Andrea Ladina, Oscar Stefanini e Donka Dimova, si concentra sulla lettera diffusa dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche a metà gennaio, con la quale vengono chieste maggiori attenzioni e tutele per i 456mila infermieri che operano in Italia.

Più dignità agli infermieri

"Nella lettera della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche si chiedono al Governo, a fronte dei sacrifici, dei pesanti carichi di lavoro e dell’aver dovuto lavorare in costante emergenza, interventi urgenti, precisi e concreti - hanno scritto i consiglieri - In particolare: il riconoscimento economico di una professione sanitaria oggi fortemente penalizzata da stipendi che sono i più bassi d’Europa; il riconoscimento della formazione professionale che attualmente viene svolto a carico e a spese degli infermieri; la possibilità, tramite la formazione professionale, di uno sviluppo di carriera oggi impedita".

Per la minoranza si tratta di un argomento di primario interesse per i cittadini, considerato che riguarda circa tremila famiglie di infermieri fra Treviglio e Crema.

Richiesta di adesione a Regione e Asst

Con l’approvazione della mozione il Consiglio comunale invierebbe all’assessore alla Sanità e vicepresidente della Regione Letizia Moratti e alla direttrice generale dell’Asst di Crema Ida Ramponi la domanda di appoggiare "le richiese contenute nella lettera della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche, in modo che si giunga al più presto ad un contratto nazionale di lavoro che dia dignità e giustizia agli infermieri, che svolgono una professione sanitaria fondamentale per la tutela della salute dei cittadini".

Seguici sui nostri canali