Politica
Regionale

Ferragni contro Regione, interviene Mammì

La nonna di Fedez chiamata per il vaccino solo dopo le stories

Ferragni contro Regione, interviene Mammì
Politica 03 Aprile 2021 ore 10:29

Luciana Violini, la nonna di Fedez, è stata vaccinata dopo le stories su Instagram della stilista: “Lei è la nonna di Fedez? Alle 21 può venire a fare il vaccino”. Scatta la polemica, Chiara Ferragni contro Regione Lombardia: “L’hanno chiamata solo dopo le mie stories”.

La nonna di Fedez e il vaccino

Il consigliere regionale Gregorio Mammì ha depositato un'interrogazione regionale affinché il sistema di prenotazione sia chiaro e trasparente.

"Chiara Ferragni, con un post su Instagram denuncia, ancora una volta, il sistema Lombardo - ha scritto il consigliere pentastellato - 'Lei è la nonna di Fedez? Alle 12 può venire a farsi il vaccino', le dice l'addetto alle prenotazioni. Dopo un mese di annunci, siamo passati dall’utilizzare un diritto come uno strumento per non avere problemi d'immagine".

Le stories di Ferragni contro Regione Lombardia

Ferragni ha spiegato di aver fatto dei post nelle storie di Instagram contro Regione Lombardia e pensa che siano state quelle a sbloccare l'iter per la gestione dei vaccini anti Covid riguardante la nonna del marito.
Così, Gregorio Mammì, che in queste ore si sta preoccupando di fare chiarezza sulla questione, ha elogiato l'influencer per la filantropia dimostrata.

L'interrogazione di Mammì

"Chiara e Federico hanno fatto tanto per la Lombardia e per il nostro paese e sono l'icona della speranza per i giovani, grazie al loro talento e al buon cuore - ha aggiunto Mammì - Chiara Ferragni, anche oggi, da una lezione di trasparenza e di concretezza e, invece, di utilizzare la sua notorietà denuncia la situazione a favore dei nonni di tutta Italia. Voglio fare chiarezza su questa situazione, pertanto interrogherò l’assessorato per sapere quali sono i criteri con cui si assegnano le priorità. Proprio oggi ho segnalato all’assessorato e alla direzione Generale al Welfare un 96enne che non riusciva ad ottenere la vaccinazione e continuerò a farlo per ogni segnalazione che riceverò. Grazie alle persone come Chiara e Federico forse possiamo davvero uscirne migliori".

TORNA ALLA HOME