Politica
Arzago

Elezioni 2022, ad Arzago la sfida è tra Rivabene e De Caro

Il gruppo di maggioranza uscente candida sindaco il capogruppo; risponde la minoranza con una lista civica rinnovata rispetto al 2017.

Elezioni 2022, ad Arzago la sfida è tra Rivabene e De Caro
Politica Gera d'Adda, 15 Maggio 2022 ore 14:56

Sarà ancora sfida a due liste nelle elezioni 2022 per il Comune di Arzago d'Adda. La lista di maggioranza uscente, Paese Nuovo, si affida a Ugo Rivabene, capogruppo in Consiglio, come candidato sindaco. Risponde, dalla minoranza, Stefano De Caro con la sua Lista per Arzago, rinnovata rispetto al 2017.

Elezioni 2022, ad Arzago due liste

Due liste civiche si contenderanno il governo di Arzago alle elezioni comunali 2022 del 12 giugno prossimo. Il gruppo di maggioranza uscente Paese Nuovo, chiusi i 15 anni di mandato del sindaco Gabriele Riva (che resta nella lista) si è affidato al capogruppo in Consiglio Ugo Rivabene, 67 anni, dipendente della «Bosch» di Cernusco sul Naviglio in pensione da cinque anni. Rivabene ha una lunga esperienza politico amministrativa, iniziata nel 1980 come consigliere di minoranza ad Arzago. Dal canto suo l'attuale capogruppo di minoranza Stefano De Caro, tramontata l'ipotesi di un accordo programmatico con Paese Nuovo e una lista di unità, ha depositato la sua lista civica, Lista per Arzago - Stefano De Caro sindaco, che ha molto rinnovato rispetto all'esperienza politica di "Centrodestra per Arzago", lista con la quale si è candidato sindaco contro Riva alle amministrative del 2017.

Paese Nuovo tra conferme e volti nuovi

"Il gruppo di Paese Nuovo voleva andare avanti dopo questi quindici anni di Amministrazione - ha spiegato Ugo Rivabene -. Quella che mancava era la figura del candidato sindaco chiamato a raccogliere il testimone da Gabriele Riva. All’interno del gruppo ne abbiamo discusso a lungo, perché non si voleva lasciare cadere tutto il lavoro fatto in questi tre mandati. La scelta è caduta su di me, forse perché sono quello che ha più esperienza. E’ una bella responsabilità, ma ora siamo pronti a partire".
L’esperienza politica di Rivabene è lunga oltre quarant’anni. "Ho iniziato nel 1980 come consigliere comunale di minoranza, insieme a Vito Riva, padre dell’attuale sindaco. Gabriele nasceva proprio quell’anno... Dopo oltre quarant’anni di attività politico amministrativa pensavo fosse arrivato il momento dei saluti e invece andrò avanti" A spingere il 67enne a candidarsi sindaco alcuni punti fermi. "Uno è la presenza in lista del sindaco uscente che metterà a disposizione del gruppo la sua lunga esperienza, soprattutto per quanto riguarda il Bilancio comunale. Credo che, insieme agli uffici, sarà ancora Gabriele ad occuparsene - ha proseguito Rivabene - In lista, dell’attuale maggioranza restano Giuseppe Uberti, che in questi cinque anni ha seguito i Lavori pubblici, Pierluigi Ferrari, che si è occupato di Ambiente ed Ecologia, e Alessia Salvatori che si occupava di Eventi". Tra i volti nuovi dei candidati consiglieri spicca la presenza Antonio Giovanni Bacis, per tutti Antonello, fresco di pensionamento dopo 42 anni di lavoro come dipendente del Comune di Arzago. Nella lista civica non mancano le "quote rosa" e due sono volti nuovi. "Tra le novità della nostra lista civica ci sono Marianicoletta Palmieri, attiva nel volontariato soprattutto in oratorio, così come è attiva nel volontariato Maria Antonietta Peccati, infermiera, che tutti ad Arzago conoscono come Mietta - ha proseguito il candidato sindaco - Un altro pensionato che entra a far parte della lista è Rosolindo Stefano Marta , anche lui tra i volontari che operano in oratorio. Non mancano poi le giovani leve che, anche grazie a Gabriele, si sono decisi a mettersi a disposizione del gruppo. Uno è Alberto Baioni, mio nipote, che ha 22 anni e si occupa di agricoltura biologica. L’altro è Stefano Tibaldini, 19enne studente delle superiori che è prossimo al diploma".

De Caro con la sua lista si propone come alternativa

Stefano De Caro, 70 anni oggi, bancario in pensione, ci riprova. E’ lui il candidato sindaco di una civica, ribattezzata "Lista per Arzago - Stefano De Caro sindaco", ampiamente rinnovata rispetto al gruppo della lista «che alle amministrative del 2017 aveva sfidato Gabriele Riva e la sua Paese Nuovo. "Avevo proposto alla maggioranza di lavorare insieme su un programma condiviso - ha spiegato De Caro -, ma dopo che hanno individuato la figura del candidato sindaco non hanno nemmeno risposto al nostro appello. Potevano declinare e dirmi “andiamo per la nostra strada” e, invece, non hanno avuto nemmeno la cortesia istituzionale per farlo. Noi, nel frattempo, ci siamo mossi per trovare candidati per la lista e imbastire il programma, che è quasi chiuso. Hanno aderito diversi cittadini, quasi tutti residenti ad Arzago e ci proponiamo come alternativa alla lista che ha governato negli ultimi quindici anni".
Tra i dieci candidati consiglieri, rispetto all’esperienza politica del 2017, l’unico rimasto è Luca Natale De Caro, 43enne figlio di Stefano e anche lui consigliere uscente. Chi ha un’esperienza in Consiglio comunale è la 73enne Romilde Arrivabene che nel 2006 aveva fatto parte della maggioranza del sindaco Vasco Grasselli. Gli altri candidati al Consiglio comunale sono: Francesca Mele, 43 anni; Vincenzo Turchiarolo, 53 anni; Giada Geloso, 29 anni; Daniele Cignani, 45 anni; Valentina Caramaschi, 44 anni; Rolando Gian Maria Cocola, 41 anni; Carmelo Parete, 45 anni; Erika Polini, 26 anni.
"La maggioranza uscente naturalmente è favorita, noi siamo un gruppo rinnovato e partiamo in svantaggio alle elezioni - ha concluso il candidato sindaco Stefano De Caro -. Ci presenteremo agli elettori e presenteremo il nostro programma elettorale. In Consiglio comunale, comunque, non faremo mancare il nostro impegno anche se dai banchi dell’opposizione come abbiamo fatto in questi ultimi cinque anni".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter