Caravaggio

Dalla medicina alla politica: Cremonesi si candida e appoggerà il Bolandrini bis

Originario di Cassano, 71 anni, sposato, in pensione, ha deciso di scendere in campo per dare il suo contributo alla comunità che lo ha accolto 40 anni fa.

Dalla medicina alla politica: Cremonesi si candida e appoggerà il Bolandrini bis
Politica Gera d'Adda, 28 Giugno 2021 ore 12:42

Il primo nome "caldo" della lista civica che sosterrà il sindaco uscente Claudio Bolandrini alle prossime elezioni comunali è quello dello storico oncologo dell’azienda ospedaliera Treviglio-Caravaggio Marco Cremonesi.

Cremonesi in campo per Bolandrini

Originario di Cassano, 71 anni, sposato, in pensione ma sempre attivo, ha deciso di scendere in campo convinto di poter dare qualcosa anche a livello amministrativo alla comunità che lo ha accolto 40 anni fa. Una comunità che - come ha dichiarato -in questi ultimi cinque anni ha visto rinascere: "L’Amministrazione Bolandrini è stata in grado di superare vent’anni di Lega, senza nulla avere contro quest’ultima".

Perché ha deciso di candidarsi?

"Sono convinto che a livello locale non occorrano le linee nazionali partitiche ma una buona amministrazione. Quella di Bolandrini ha fatto bene, lavorando a testa bassa, senza clamore. In primo luogo sotto l’aspetto della sicurezza, rimettendo in sesto scuole decrepite e costruendo quella di Masano. Il futuro sono i giovani e ha investito su di loro e sulla cultura, portando anche la fibra ottica nelle frazioni che erano state lasciate andare a se stesse. A fibra sono anche le telecamere installate in città, che garantiscono un miglior controllo del territorio, e si è pensato alla nuova caserma dei carabinieri. Anche dal punto di vista ambientale ha fatto bene: Bolandrini non ha svenduto il territorio, ha puntato sul verde, rimesso a nuovo tante strade e messo mano a impianti fognari e scarichi. Se c’è chi lo attacca sostenendo che favorisca gli islamici, nella realtà ha firmato convenzioni per collaborare con gli oratori. È un amministratore che ha pensato ai cittadini, creando una bella rete e gestendo l’emergenza Covid senza lasciare indietro nessuno".

Leggi l'intervista completa sul Giornale di Treviglio in edicola.