Mozzanica

Contributi alle attività economiche, cifre e requisiti

L'Amministrazione di Mozzanica ha messo a Bilancio 25mila euro per aiutare le piccole attività. Il contributo varia da 100 a 400 euro.

Contributi alle attività economiche, cifre e requisiti
Gera d'Adda, 07 Agosto 2020 ore 15:52

Un plafond di 25mila euro per erogare contributi alle attività economiche rimaste chiuse durante la pandemia da Covid-19. Sono i fondi messi a Bilancio dall’Amministrazione di Mozzanica che ha reso noto le cifre, da 100 a 400 euro, e i requisiti per fare la richiesta.

Aiuti per le attività economiche

La Giunta di Mozzanica ha stanziato a Bilancio 25mila euro, parte dei fondi ricevuti dal Governo per i Comuni delle “zone rosse” durante la pandemia da Covid-19. Serviranno a stanziare aiuti, sotto forma di contributi, a quelle attività che nella Fase 1 sono rimaste chiuse a seguito dei Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri per contenere l’epidemia. Al beneficio, che varia da 100 a 400 euro, sono escluse quelle attività che hanno continuato a lavorare – quali, ad esempio, panetterie, edicole, farmacie, negozi di generi alimentari, casalinghi e ferramenta, articoli informatici, banche, agenzie assicurative – durante il “lockdown”. Il provvedimento è passato martedì sera durante il Consiglio comunale che ha sancito anche uno sconto del 25% sulla parte variabile della Tari per tutte le utenze non domestiche.

Criteri e cifre del contributo

Saranno ammesse al contributo le attività economiche rimaste chiuse (in base ai codici Ateco previsti nel DPCM). Il Comune nel bando ha precisato che: la sede legale non deve necessariamente coincidere con quella ove viene effettivamente svolta l’attività essendo rilevante soltanto l’immobile o gli immobili nei quali viene effettivamente svolta; non saranno prese in considerazione le attività con sede legale in Comune di Mozzanica presso immobili che risultano iscritti nelle liste TARI nella categoria “abitazioni” (ad esempio ditte individuali artigiane che operano su territori anche diversi da quello comunale che non hanno uffici e/o magazzini-depositi e la cui sede è correlata generalmente all’indirizzo di abitazione privata); parimenti non si considereranno tutte le attività di e-commerce e quelle di commercio ambulante; saranno considerate anche le attività artigianali tassate ai fini TARI per immobili in categoria “magazzini, locali di deposito, esposizioni, autosaloni” purché rientranti tra quelle sospese nella Fase 1.

Il contributo è così quantificato: attività artigianali senza produzione di beni specifici 100 euro; attività artigianali/industriali con produzione beni specifici 300 euro; agenzie di viaggi e immobiliari, cartolerie e librerie, pelliccerie, abbigliamento, fioristi 300 euro; attività di estetista/parrucchiere/tatuaggi/centri benessere/massaggiatori/scuole danza 400 euro; bar, caffè, pasticcerie e gelaterie, ristoranti, pizzerie, trattorie, alimentari asporto 400 euro; attività professionali 150 euro.

I tempi per fare la richiesta

I contributi del Comune di Mozzanica verranno stanziati esclusivamente nel caso in cui i richiedenti siano in regola con i versamenti relativi ai tributi comunali. La domanda di contributo dovrà essere presentata compilando esclusivamente il modello “MOD. RICH-CONTR-COVIDattività” (scaricabile dal sito internet comunale) entro e non oltre il 30 settembre 2020 e inviandolo all’indirizzo di posta certificata info@pec.comune.mozzanica.bg.it. Il modulo dovrà essere corredato dal documento di identità del legale rappresentante che sottoscrive l’istanza e dalla copia della quietanza di pagamento in caso di ravvedimento operoso. L’Amministrazione verificherà le domande arrivate. L’erogazione del contributo, salvo richieste di integrazione e successivi controlli, sarà effettuata a favore del richiedente a partire dal 1° novembre 2020 e avverrà in base alla ricezione cronologica delle domande per data.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia