Menu
Cerca

Bando discriminatorio? Il Ministero dà ragione a un consigliere

La questione è stata sollevata in Aula a Pandino da Francesca Sau, e il dipartimento delle Pari opportunità le dà ragione.

Bando discriminatorio? Il Ministero dà ragione a un consigliere
Politica Cremasco, 01 Dicembre 2018 ore 14:52

Il bando indetto dal Comune per un posto di istruttore direttivo all’Anagrafe è discriminatorio. Lo dice il Ministero per le Pari Opportunità.

Bando discriminatorio?

La patente di guida è davvero indispensabile per lavorare in un ufficio come quello dell’Anagrafe? La questione era stata sollevata dal capogruppo di «Lista civica per Pandino» Francesca Sau nell’ultimo Consiglio comunale, dopo essere venuta a conoscenza dell’esclusione di un pandinese ipovedente dalla selezione.
«Ho fatto presente il caso al Ministero delle Pari Opportunità e attendo una risposta», aveva detto. Ora la risposta è arrivata.

Il Ministero dice di sì

«La mansione di istruttore direttivo dei servizi demografici non ha chiaramente specificato che il possesso della patente di tipo B è requisito ulteriore ed essenziale per lo svolgimento del lavoro» si legge tra le altre cose nella risposta del funzionario.
Parole che hanno confortato Sau e l’hanno convinta a chiedere la modifica del regolamento comunale.
Il sindaco Maria Luise Polig dal canto suo non condivide: «Prendo atto dell’opinione trasmessa dall’Ufficio, tuttavia il regolamento comunale prevede il possesso della patente di guida per tutti i profili che ricoprono un ruolo di responsabilità – ha spiegato – questo perché tra i loro compiti c’è anche quello di rappresentare l’Ente all’esterno».

Leggi di più su Cremascoweek in edicola.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli