Mediaworld il 2 marzo sciopero contro il trasferimento

Si protesta contro il trasferimento di sede di 500 dipendenti a più di 50 chilometri di distanza.

Mediaworld il 2 marzo sciopero contro il trasferimento
Economia Treviglio città, 21 Febbraio 2018 ore 18:27

Mediaworld, l’assemblea dei lavoratori ha proclamato lo sciopero per il prossimo 2 marzo contro il trasferimento di 500 dipendenti dalla provincia di Bergamo alla Brianza.

Lavoratori in assemblea

È stata un’assemblea molto partecipata, con circa 300 lavoratori ragionevolmente in ansia per il loro futuro occupazionale: questa mattina i dipendenti di MediaMarket/MediaWorld della provincia di Bergamo si sono riuniti nella sede di via Lega Lombarda a Curno dove, con i funzionari sindacali di FILCAMS-CGIL e FISASCAT-CISL, hanno discusso della preoccupante notizia piombata su di loro senza preavviso venerdì scorso.

Il trasferimento in Brianza

L’azienda ha annunciato, infatti, di volere spostare in Brianza il personale delle sedi di via Fermi e di via Lega Lombarda a Curno. In bergamasca, nelle due unità locali, la decisione coinvolgerebbe 500 persone che verrebbero, così, trasferite forzatamente. La comunicazione ai dipendenti è stata data durante un incontro che si è svolto all’UCI Cinema mentre a Roma si stava tenendo un confronto tra azienda e funzionari nazionali delle organizzazioni sindacali. Per venerdì 2 marzo i sindacati hanno proclamato uno sciopero (sarà il 2 e non il 3 marzo come negli altri punti vendita, visto che si tratta di una sede amministrativa, chiusa di sabato).

Nuova sede a più di 50 chilometri

“La nuova sede proposta dall’azienda è quella di Verano Brianza (MB) che dista più di 50 km dall’attuale luogo di lavoro e che creerà enormi disagi per tutti i dipendenti, in particolare per le figure assunte a part time e per le donne che dovranno riuscire a trovare una soluzione sulla conciliazione vita privata–lavoro” hanno commentato Mario Colleoni e Nicholas Pezzè per FILCAMS-CGIL e Alberto Citerio e Terry Vavassori per FISASCAT-CISL di Bergamo.

“Auspichiamo che l’azienda riveda la propria posizione”

“Dall’assemblea è emersa la necessità di riuscire a creare un solido rapporto di solidarietà tra i vari dipendenti che sono ovviamente molto preoccupati. Lo sciopero del 2 marzo, proclamato unitariamente, rappresenterà un importante segnale nei confronti dell’azienda per contrastare la scelta del trasferimento. Prima dello sciopero verrà svolta una nuova assemblea con i lavoratori e le lavoratrici delle sedi orobiche. Intanto, come organizzazioni sindacali, auspichiamo che l’azienda riveda la propria posizione e che si possa riattivare un tavolo di confronto sulla base di posizioni funzionali a garantire reali prospettive alle lavoratrici e ai lavoratori”, hanno concluso i sindacati.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli