Menu
Cerca

Lavoro a Bergamo previste quasi 7mila assunzioni a novembre

Quali sono le professioni più richieste? Quali i settori che tirano di più? Quali le prospettive per i giovani e le donne? Ecco i dati di Unioncamere.

Lavoro a Bergamo previste quasi 7mila assunzioni a novembre
Economia 24 Novembre 2017 ore 16:51

Sono circa 66mila le assunzioni previste nel mese di novembre in Lombardia, vale a dire il 22,2% del totale nazionale. Le offerte di lavoro a Bergamo previste per il mese di novembre sono  6.09 e 21.290 nei tre mesi da novembre a gennaio 2018.

Lavoro a Bergamo: quali sono le professioni più richieste?

Più di 6000 posti di lavoro a Bergamo nel mese di novembre. Lo dicono i dati di Unioncamere. Ma quali sono le professioni più ricercate? Basta guardare i dati di ottobre per capirlo  Tra i neoassunti 1310 (19.3%) saranno impiegati come dirigenti, tecnici e impiegati specializzati. Molti anche gli impiegati e le figure commerciali richieste, saranno 2030, il 29,9%. La maggior parte delle richieste però sono rivolte a operai specializzati. Ne servono 2290, il 33,7% del totale. Il 17,2% delle offerte di lavoro infine riguarda professioni non qualificate, per le quali si cercano 1170 addetti.

Quali le aree di lavoro?

La maggior parte dei nuovi assunti saranno impiegati nella produzione di beni e servizi (3090 persone). Tante anche le figure commerciali (1300) e gli addetti alla logistica (980). Seguono a ruota tecniche e progettazione (960). In coda, infine, le richieste per il settore amministrativo (240) e nei servizi generali (240).

lavoro
Dati Unioncamere ottobre 2017

Donne e giovani, quali prospettive?

Tra le offerte di lavoro, il 38,5% sono rivolte a giovani sotto i 29 anni. Non è possibile inserire negli annunci di lavoro preferenze di genere ma, secondo il sondaggio realizzato da Unioncamere tra le imprese, il 12,1% dei datori di lavoro assumerebbe preferibilmente donne.
I giovani sono richiesti soprattutto come specialisti in scienze informatiche, fisiche e chimiche, ma anche come progettisti e ingegneri. Preferibilmente under 29 (il 70%) anche gli specialisti della formazione e gli  insegnanti. Per quanto riguarda le donne invece sarebbero assunte più degli uomini solo nel settore della cura estetica e del benessere.

 

Difficile trovare alcune figure professionali

Secondo il sondaggio di Unioncamere alcune aziende farebbero veramente fatica a trovare personale. Si sente la carenza soprattutto di informatici e fisici, ma anche di operai metalmeccanici e conduttori di macchine mobili. Le difficoltà di reperimento sarebbero soprattutto dovute alla mancanza di candidati e alle scarse competenze dei candidati che si presentano. Ma quali sono le caratteristiche richieste? Il 20,6% dei nuovi assunti dovrebbero occuparsi di trovare soluzioni creative e innovative. Solo il 9,2% dovrebbe coordinare altre persone. La laurea è richiesta nel 12,6% dei casi, il diploma nel 34,1%, la qualifica professionale nel 29,9%. Per il 23,4% delle offerte di lavoro non è invece richiesto alcun titolo di studio.

Quali settori e quali contratti?

Dei 6800 neoassunti previsti saranno 2600 quelli impiegati nell’industria. Circa 700 i nuovi addetti nelle costruzioni. Forti anche il settore del commercio (990 richieste) della logistica (850 richieste) e dei servizi alla persona (710). Nel  settore media e comunicazione sono previste 550 nuove assunzioni. Assunzioni sì, ma con quali contratti? Secondo il sondaggio la maggior parte delle persone sar assunta come dipendente (80%). Il 12,2% sarà riservato agli apprendistati e solo il 3% dei lavoratori entrerebbe in azienda con altre tipologie di contratto. Diversa però la situazione da settore a settore, come si nota dallo schema di Unioncamere.

lavoro a Bergamo
Dati unioncamere ottobre 2017

 

 

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli