Classifica scuole superiori, le Statali hanno una marcia in più I DATI

Il "Galilei" di Caravaggio miglior scientifico e linguistico della zona. Ma nel classico "vincono" i Salesiani.

Classifica scuole superiori, le Statali hanno una marcia in più I DATI
10 Novembre 2017 ore 17:59

Classifica scuole della Bassa e nel Cremasco: le migliori superiori sono le Statali. E’ stato pubblicato il progetto della Fondazione Giovanni Agnelli che, ogni anno, stila una sorta di graduatoria delle scuole italiane, per aiutare gli studenti nella scelta della scuola superiore.

Classifica scuole

Per la nuova edizione, Gianfranco De Simone e Martino Bernardi, i ricercatori responsabili del progetto, hanno analizzato gli esiti universitari e lavorativi di circa 1.100.000 studenti che si sono diplomati in oltre 6.000 scuole italiane negli anni scolastici 2011/12, 2012/13 e 2013/14. Ma la nuova edizione presenta anche una novità di rilievo: da quest’anno, infatti, ha raggiunto una copertura nazionale anche per gli esiti lavorativi dei diplomati. Al fine di garantire confronti appropriati eduscopio.it consente una comparazione diretta solo tra scuole dello stesso tipo, poiché a seconda dell’offerta formativa gli indirizzi di studio attraggono studenti con caratteristiche e potenzialità diverse in partenza, e scuole localizzate in territori relativamente circoscritti (nel raggio di 30 km).

Indice FGA – Tutte le scuole nel raggio di 30 km

La classifica delle scuole viene quindi fatta in base al’Indice FGA, che mette insieme la Media dei Voti e i Crediti Ottenuti all’università dagli studenti, dati poi normalizzati in una scala che va da 0 a 100, dando un peso pari al 50% ad ognuno dei due indicatori. La media voti è un indice che ci dice qual è la media dei voti universitari ottenuti dagli studenti della scuola; crediti ottenuti ci dice quanti crediti universitari sono stati ottenuti dagli studenti della scuola in percentuale sui crediti previsti al primo anno di corso. Entrambi i dati sono normalizzati per tenere conto del diverso grado difficoltà dei corsi di laurea e degli esami sostenuti. Ecco nell’infografica tutte le scuole prese in analisi dalla Fondazione Agnelli, nel raggio di trenta chilometri da Treviglio.

 

Liceo Classico

Riguardo i Licei Classici, c’è da registrare nella Bassa l’unico caso in cui una scuola paritaria si trova sopra in classifica rispetto alle Statali: è il “Don Bosco” di via Zanovello che ha un indice FGA di 78,09. La scuola gestita dai Salesiani si piazza al quarto posto nella graduatoria di zona (che comprende 13 scuole) e precede di una posizione il “Racchetti” di Crema (78,01). Settimo posto per il “Weil” di Treviglio (77,54).

Liceo Scientifico

Nel raggio di 30 chilometri da Treviglio sono 47 i licei scientifici. Il primo della Bassa è ancora una volta il “Galilei” di Caravaggio (Nella foto, FGA di 80,69) che conquista il nono posto nella classifica. A seguire , in 15esima posizione, primo liceo paritario, è anche in questo caso il “Don Bosco” di Treviglio (76,92). Al 20esimo e al 21 esimo posto ci sono invece rispettivamente il “Da Vinci” di Crema (73,54) e il Don Milani di Romano (72,96). Bisogna poi scendere fino al 30esimo posto per trovare il “Galilei” di Crema (66,25). Chiudono la classifica due scuole private: il “Dante Alighieri” di Crema al 41esimo posto (47,13) e in terzultima pozione il “Facchetti” di Treviglio (43,48).

Liceo Scienze Umane

Dominano anche in questo indirizzo le Statali: su 19 scuole le prime dieci posizioni sono infatti occupate da scuole pubbliche. Al sesto posto c’è il “Racchetti” di Crema (55,54), mentre al nono il “Don Milani” di Romano (52,85). Il Collegio degli Angeli di Treviglio è l’ultima della Bassa e del Cremasco,in 16esima posizione con un indice FGA di 43,46.

Liceo Linguistico

Sei le scuole del nostro territorio tra le 23 che fanno parte della classifica. La prima è il “Galilei” di Caravaggio (Fga 70,24), seguita a due lunghezze dal “Weil” di Treviglio (66,28). Il “Racchetti” di Crema chiude invece la top ten con un indice di 63,63. C’è poi da registrare il 13esimo posto per il “Don Milani” di Romano (62,4). I due licei privati in graduatoria sono lo “Shakespeare” di Crema (16 posto con FGa 58,68) e il “Facchetti” di Treviglio, terzultimo con (47,9).

Liceo Artistico

Sono sette i licei inclusi nella classifica. E in questo caso le “nostre” scuole non se la passano bene. Al quinto posto c’è infatti il “Munari” di Crema con un indice FGA di (62,59). Addirittura ultimo, invece, il “Weil” di Treviglio, che ha fatto registrare un valore di 54,99.

Indirizzo Tecnico (Economico)

Anche in questo caso la fanno da padroni i licei statali. Su un totale di 26 scuole, per trovare la prima paritaria bisogna arrivare fino alla 21esima posizione. Nella graduatoria ci sono l’istituto “Oberdan” di Treviglio,con un FGA di 51 e, tre gradini più in basso, il “Pacioli” di Crema, che ha ottenuto un indice di 49,78.

Indirizzo Tecnico (Tecnologico)

Lo strapotere delle pubbliche è viene confermato anche in questo indirizzo di studi. Quattro i licei della nostra zona in classifica. Il primo è il “Cantoni” di Treviglio, che ha ottenuto un indice FGA di 61,8 e si pizza all’ottavo posto su un totale di 26. Al 12esimo c’è il “Galilei” di Crema con 59,02, mentre al 21esimo c’è il “Pacioli”, un’altra scuola di Crema con un FGA di 51,28. Infine, 23esimo posto, primo comunque delle paritarie con FGA 47,87, per il “Don Bosco” di Treviglio.

Al lavoro dopo le superiori

Come detto, da quest’anno è stata stilata la graduatoria anche per chi non procede con gli studi universitari. La graduatoria tiene conto dell’Indice di Occupazione, ovvero la percentuale degli occupati (coloro che hanno lavorato almeno 6 mesi entro i primi due anni dal conseguimento dal diploma), su coloro che non si sono immatricolati all’università. Viene anche riportato l’indice di Coerenza tra studi fatti e lavoro trovato. ovvero la percentuale di diplomati che a 2 anni dal diploma lavorano e hanno una qualifica professionale perfettamente in linea con il titolo di studio conseguito.

Indirizzo Tecnico (Commerciale)

Ventotto le scuole di questo tipo attorno a Treviglio. Quella che permette più facilmente di trovare lavoro è risultato essere il “Rubini” di Romano, al sesto posto con il 65,54% di ragazzi che hanno trovato un impiego in breve tempo. Tre posizioni più in basso c’è invece l’istituto “Oberdan” di Treviglio con il 62,78%. Bisogna poi scendere fino al 19esimo posto per trovare un’altra scuola della zona: è il “Pacioli” di Crema con il 57,02%.

Indirizzo Tecnico (Tecnologico)

In questo settore c’è da registrare il secondo posto del “Galilei” di Crema: il 78,82% degli alunni trova infatti lavoro entro due anni dal diploma. Nella top ten anche l'”Archimede” di Treviglio, al decimo posto con il 69,32%. Ci sono poi altre quattro scuole del territorio: il “Cantoni” di Treviglio, 19esimo con il 51,44%, il “Rubini” di Romano, 23esimo con il 48,62%, il “Pacioli” di Crema con il 47,37% e, infine, il “Don Bosco” di Treviglio, al 38esimo (e penultimo posto), con il 34,36%.

Indirizzo Professionale (Servizi)

Per quanto riguarda l’indirizzo professionale, nel settore dei servizi i risultati non sono esaltanti. La prima scuola in classifica, lo “Zenale e Butinone” di Treviglio, è infatti in 14esima posizione con il 45,53% di occupazione. Due gradini più in basso c’è poi  lo “Sraffa” di Crema con il 42%. Chiude ultimo il “Cantoni” di Treviglio (22°) con una percentuale del 14,28 di occupazione. Non molto positivo, visto che la scuola appena davanti ha il 34,85%.

Indirizzo Professionale (Industria e Artigianato)

L’ultima classifica riguarda gli Ipsia. Tra la Bassa bergamasca e il cremasco sono due le scuole in graduatoria: il “Marazzi” di Crema, che su undici istituti si posiziona al quinto posto con il 63,44% di indice di occupazione, e l'”Archimede” di Treviglio, che si trova due posizioni più in basso e vanta un tasso del 61,74%.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia