Menu
Cerca

Cisl e lemergenza Coronavirus: “Nessuno sarà lasciato solo”

Il sindacato in questi giorni sta riorganizzando il suo servizio ai cittadini.

Cisl e lemergenza Coronavirus: “Nessuno sarà lasciato solo”
Economia 14 Marzo 2020 ore 10:42

Cisl sta riorganizzando la propria struttura di servizio per far fronte all’emergenza provocata dal Coronavirus.

Cisl si riorganizza

“L’emergenza legata al Coronavirus sta lentamente lavorando ai fianchi la resistenza di una provincia combattiva come quella di Bergamo – dice Francesco Corna, segretario generale del sindacato di via Carnovali – Anche la Cisl, in questi giorni, sta riorganizzando la propria struttura di servizio, dal momento che fare della solidarietà e della vicinanza a tutti i cittadini fa parte del nostro DNA, e è uno dei valori fondanti della nostra organizzazione”. L’epidemia ha lasciato segni anche negli uffici sindacali: le necessità dovute in qualche modo all’emergenza, oltre al naturale rispetto delle prescrizioni dei DPCM che si sono succeduti, hanno “costretto” la rete dei servizi Cisl, da sempre ai vertici nazionali come numero di pratiche effettuate e gradimento per la qualità, a rivedere il proprio profilo, per garantire la sicurezza di operatori ed operatrici ed evitare gli spostamenti degli utenti.

“Anche se buona parte del paese è ferma, noi non possiamo esimerci di avere a cuore la cura e la tutela dei cittadini – ha continuato – Noi contribuiamo a far restare a casa le persone, perché il contagio va assolutamente fermato, ma non vogliamo che perdano ogni punto di riferimento. Per questo vogliamo fare uno sforzo straordinario, per raggiungere, anche a distanza, chiunque abbia bisogno”.

Come fare?

Aperture e accoglienze riviste, numeri telefonici e recapiti online, pratiche compilate al telefono o via mail…. Innanzitutto, il centralino (035.324111) e la mail appositamente creata ( cisl.bg@cisl.it ). Al lavoro, 8 operatori che rispondono e indirizzano a servizi e categorie. Il patronato INAS ha avviato un nuovo numero verde (800 249307), al quale chi ha bisogno di fare domanda di pensione, di attivare gli assegni familiari o avviare la procedura per l’invalidità civile può segnalare le proprie necessità. L’ufficio vertenze è disponibile per ogni attività che abbia carattere di urgenza. A questo scopo si segnala che esistono delle scadenze inderogabili per contestare licenziamenti e trasferimenti di sede, fissate in 60 giorni dal giorno in cui il lavoratore ne viene a conoscenza in forma scritta (raccomandata consegnata a mano o per posta) o verbalmente in presenza di testimoni. Per ogni altra questione che riveste carattere di urgenza potete scrivere alla casella mail ufficio.vertenze@cislbergamo.it, o contattare il numero 3356962495. Il CAF offre assistenza piena a tutte le persone che hanno bisogno. In ogni macroarea, un’operatrice risponde a tutte le chiamate e dirotta all’addetto specifico per l’attestazione Isee piuttosto che per verificare le proprie posizioni fiscali . Sempre a disposizione il numero verde 800 800 730 per richiedere appuntamenti. Per ADICONSUM, chiamando i numeri 035 324580-3-4-5, la segreteria telefonica invita a fare un numero di cellulare per le urgenze. Oppure, i consumatori possono inviare una email a Adiconsum.bergamo@cisl.it per ricevere assistenza. Il Sicet garantisce la copertura degli orari d’ufficio, rispondendo al numero 035324230 Lo Sportello Orientamento Lavoro è attivo telefonicamente tutti i giorni dalle 8,30 alle 12,30 al numeri 035.324.115 035.324.113, oppure alla e-mail sportellolavoro.bergamo@cisl.it Sempre via e-mail ( anolf@cislbergamo.it ), anche dall’ANOLF verranno fornite indicazioni per permessi di soggiorno, richieste di cittadinanza e ricongiungimento familiare.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli