Champions League e Coppa del Mondo in mostra in Assolombarda

Si potranno ammirare da oggi, venerdì 15 giugno 2018, nella sede di via Pantano 9 a Milano.

Champions League e Coppa del Mondo in mostra in Assolombarda
15 Giugno 2018 ore 11:57

Da oggi e per i prossimi mesi i due trofei più ambiti del panorama calcistico internazionale saranno in mostra in Assolombarda per essere ammirati da vicino da tutti gli appassionati.

Assolombarda: Coppa del Mondo e coppa della UEFA Champions League

La Coppa della UEFA Champions League e l’originale calco in gesso della Coppa del Mondo FIFA, da cui si ottiene lo stampo e la cera per riprodurre il trofeo, si potranno ammirare da oggi, venerdì 15 giugno, in via Pantano 9 a Milano, nella sede di Assolombarda. I due trofei della G.D.E. Bertoni, azienda leader nel settore dei trofei e delle medaglie per le più importati competizioni sportive, rappresentano il terzo capito del progetto “Forse non tutti sanno che…”. L’iniziativa, promossa da Assolombarda prevede l’esposizione all’interno di Palazzo Gio Ponti di oggetti iconici dell’industria e della cultura italiana che hanno contribuito a rendere celebre il Made in Italy nel mondo, ha già visto esposti la “Schiscetta” di Caimi Brevetti e il primo numero della Gazzetta dello Sport.

Le parole di Carlo Bonomi, Presidente di Assolombarda

“La Coppa della UEFA Champions League e la Coppa del Mondo FIFA sono due oggetti simbolo del calcio internazionale, entrati nell’immaginario collettivo di tutti gli appassionati e non solo. Poterli ospitare nella casa degli imprenditori di Confindustria, che sono i campioni nazionali nell’industria e nei mercati europei e mondiali, è per noi motivo di grande orgoglio. E, a due giorni dall’inizio del Torneo di Russia 2018, abbiamo pensato di rendere omaggio a un’eccellenza tutta italiana come la G.D.E. Bertoni. Un’impresa a tradizione familiare con una storia di successo alle spalle che, grazie a creatività e innovazione, ha saputo farsi conoscere e apprezzare nel mondo per la qualità delle sue produzioni uniche e su misura”.

G.D.E. Bertoni  e la Coppa del Mondo

La G.D.E. Bertoni è nata a inizio ‘900 come bottega artigiana a Paderno Dugnano. Nel 1971 si è aggiudicata il concorso internazionale per la creazione della nuova “Coppa del Mondo”. Il progetto, firmato dal maestro scultore Silvio Cazzaniga e direttore artistico di Bertoni, rappresenta la gioia e la grandezza dell’atleta nel momento del trionfo, l’esaltazione della vittoria. Nella sua versione originale in oro 18 carati, la coppa misura 36,8 cm per 6,2 kg. La base è cinta da due bande di malachite e sotto sono incisi i nomi dei vincitori della coppa dal 1974 ad oggi.

La Coppa della UEFA Champions League

La “Coppa dalle grandi orecchie”, assegnata al vincitore della UEFA Champions League, è realizzata dall’artigiano argentiere Guerrino Giorgi. Il trofeo, che l’azienda produce da oltre trent’anni, è in argento ed è alto 73 cm e pesa 8 kg. Le uniche squadre a possedere l’originale sono Real Madrid, Ajax, Bayern Monaco, Milan e Liverpool. Infatti una regola introdotta nella stagione 1968/69 permetteva di consegnarla ai club con 5 vittorie totali o 3 consecutive in Champions League. Dal 2009, invece, il trofeo rimane all’UEFA mentre alle squadre vincitrici viene data una replica. Avviene la stessa cosa anche per la Coppa del Mondo, il cui originale è conservato dalla FIFA salvo tornare presso la G.D.E. Bertoni che ne cura ancora oggi la manutenzione prima di ogni importante evento.

E’ tutto Made in Italy

I due trofei sono ospitati all’interno di un altro simbolo del Made in Italy: una teca Goppion, azienda fornitrice dei principali allestimenti museali del mondo. Nelle vetrine Goppion sono conservati ed esposti moltissimi capolavori tra cui la Gioconda, l’Uomo Vitruviano, i Gioielli della Corona d’Inghilterra, i Rotoli del Mar Morto, diverse copie della Magna Carta, due dei tre originali della Costituzione Italiana, il Messia di Stradivari e il cavallo di Napoleone.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia