Economia
Economia

Bcc Caravaggio e Cremasco, raccolta e impieghi in crescita: il 2021 si chiude con 4,4 milioni di utile

Merigo: “Dopo la prima fase di grande criticità causata dall’avvento della pandemia, finalmente lo scorso anno si è iniziato a parlare di ripresa".

Bcc Caravaggio e Cremasco, raccolta e impieghi in crescita: il 2021 si chiude con 4,4 milioni di utile
Economia Gera d'Adda, 14 Aprile 2022 ore 10:27

Si chiude il 2021 della Bcc Caravaggio e Cremasco: un anno di crescita, dalla raccolta agli impieghi, ma anche per la base associativa che arriva a quota 12.618. Il bilancio si chiude con un utile netto di oltre 4,4 milioni di euro e con i Fondi Propri che hanno superato i 161 milioni di euro; il CET 1 si è attestato al 21,86%.

Il 2021 della Bcc Caravaggio e Cremasco

Nel 2021 sono aumentati i livelli di copertura del credito deteriorato, infatti la copertura delle sofferenze è al 72,48%. Infine, la compagine sociale si è arricchita di 726 nuovi soci, per un totale di 12.618, di cui ben 1.694 soci con un‘età compresa tra i 18 e i 35 anni. La Banca ha sostenuto l’economia del territorio con oltre un miliardo di euro di finanziamenti complessivi (1.014.429.000 euro, nel 2020 erano stati 965.320.000), mentre la raccolta diretta si è attestata a 1.415.761.000 contro il 1.318.173.000 del 2020. I nuovi finanziamenti sono 1536 per un importo di 184 milioni di euro, di cui 627 mutui prima casa per un totale 74 milioni di euro.
In un periodo di difficoltà dovuto al contesto economico globale, sono state inoltre prorogate più di 1.100 moratorie per un valore di oltre 150 milioni di euro per le imprese e 264 moratorie di mutui prima casa per un importo di oltre 27 milioni di euro. Infine, grazie agli esperti messi in campo dalla Bcc per sostenere i clienti nelle pratiche connesse al Superbonus e ad altri bonus fiscali, nel 2021 i crediti di imposta acquistati per ristrutturazioni edilizie hanno raggiunto la cifra di 38 milioni di euro.

Impegno sul territorio

A concreto sostegno del suo territorio la banca, nel corso del 2021, anche in pool con altre Bcc del Gruppo, ha realizzato più di 250 iniziative di carattere sociale con un impegno complessivo di oltre 650 mila euro - si legge nella nota diffusa dalla Bcc Caravaggio e Cremasco - In particolare, sono state assegnate 80 borse di studio e sono stati organizzati convegni e corsi di formazione con particolare attenzione ai giovani soci, alle relazioni sociali, ai temi di economia civile e sostenibilità ambientale. Inoltre è proseguito il sostegno ai progetti di cooperazione nel mondo, tra questi quelli in Ecuador e Terra Santa.

Finalmente la ripresa

“Dopo la prima fase di grande criticità causata dall’avvento della pandemia, finalmente lo scorso anno si è iniziato a parlare di ripresa – afferma Giorgio Merigo, presidente della Bcc Caravaggio e Cremasco – infatti, anche se l’emergenza sanitaria non è ancora rientrata, l’economia dei nostri territori ha ripreso ad evidenziare una netta crescita. Tuttavia, anche il nostro territorio risentirà degli effetti della catastrofe umanitaria causata dalla guerra in Ucraina, che ha portato un’impennata dei costi dell’energia e delle materie prime”.

“Anche in questo caso - conferma il direttore Luigi Fusari - la Bcc sta mettendo in campo tutte le iniziative possibili a supporto dei soci e clienti per superare questi periodi difficili”.

In campo per l'Ucraina

Con l’aggravarsi della situazione, la Bcc ha quindi elargito un contributo e ha aderito all’iniziativa promossa dal Credito Cooperativo nazionale insieme alla Caritas italiana per una raccolta fondi a favore di coloro che sono stati colpiti da questa catastrofe umanitaria, oltre ad aver messo a disposizione delle parrocchie appartamenti resi disponibili per l’accoglienza dei profughi in arrivo dall’Ucraina.

“Auspico che i significativi risultati conseguiti dalla Bcc Caravaggio e Cremasco – conclude il presidente Merigo – possano spronarci a raggiungere ulteriori positivi traguardi e che, nel solco dei valori di cooperazione e sussidiarietà che sono alla base dei valori e principi statutari del Credito Coperativo, la nostra Bcc possa continuare a essere sempre più riconosciuta quale autentica Banca della Comunità”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter