Menu
Cerca

Sei giovane e vuoi aprire un’attività? Ti aiuta il Comune

Lo sportello, direttamente in Comune, potrà rispondere alle esigenze dei giovani imprenditori in cerca di un sostegno economico

Sei giovane e vuoi aprire un’attività? Ti aiuta il Comune
Economia 19 Ottobre 2017 ore 15:10

 

E’ stato presentato mercoledì pomeriggio, in Comune a Treviglio, il nuovo progetto denominato “SELFIEmployment”. L’iniziativa, realizzata in collaborazione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, prevede la possibilità di concedere un finanziamento agevolato, tramite uno sportello unico con sede in Comune, a tutti i giovani desiderosi di aprire una propria attività professionale.

Giovani imprenditori

Questo progetto di autoimprenditorialità (che conta già 65 sportelli sul territorio nazionale, di cui 5 in Lombardia ed unico nella provincia di Bergamo) è aperto ai ragazzi di età compresa tra i 18 e 29 anni che non studiano, non lavorano, non frequentano corsi di formazione professionale e che risultino iscritti al Programma Garanzia Giovani.
L’iniziativa è rivolta ai giovani che siano già in possesso di un proprio business plan (piano di impresa), e che potranno quindi presentare la domanda per accedere al fondo SELFIEmployment direttamente. In alternativa, in caso di assenza di un business plan, l’interessato/a dovrà, prima di poter accedere al fondo, superare un test di autovalutazione imprenditoriale sul sito ufficiale di Unioncamere (www.filo.unioncamere.it). Successivamente, in caso di esito positivo, il candidato dovrà partecipare ad un percorso di formazione e di accompagnamento, utile per poter preparare il piano di impresa. Una volta terminato il corso, consistente in un massimo di 80 ore formative, si potrà dunque fare richiesta per il finanziamento.

Finanziamenti agevolati

Il progetto, presentato da Pierluigi Giuliani (Responsabile Sportello Unico), Marco Rigucci (Coordinatore Regionale dell’iniziativa) e Giorgio Lanfredi (tutor del Microcredito), prevede dunque la concessione di finanziamenti agevolati a tasso zero, senza la necessità di alcuna forma di garanzia reale (diversamente da quanto accade con gli istituti bancari).
Questi finanziamenti, utili per supportare i giovani nell’avvio della propria attività imprenditoriale, sono indirizzati a imprese individuali, società di persone, società cooperative con 9 soci al massimo ed associazioni professionali.
I prestiti potranno essere concessi con piani di investimento fino a 50mila euro, ripartiti in forme di microcredito, microcredito esteso e piccoli prestiti.

Uno sportello in Comune

Lo sportello, che sarà a disposizione degli utenti trevigliesi ogni mercoledì pomeriggio, è stato accolto con entusiasmo dall’amministrazione comunale tramite le parole dell’assessore Giuseppe Pezzoni, orgoglioso di poter accogliere una simile iniziativa volta a garantire un’assistenza ed un aiuto concreto ai giovani che desiderano costruire un proprio futuro imprenditoriale.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli