Cultura
Caravaggio

San Bernardino, inaugurati gli affreschi restaurati dei Fratelli Galliari

Questa mattina, sabato 5 novembre, la cerimonia alla presenza di autorità civili, militari e religiose e la visita nella parte della chiesa riservata ai frati.

San Bernardino, inaugurati gli affreschi restaurati dei Fratelli Galliari
Cultura Gera d'Adda, 05 Novembre 2022 ore 16:19

Finalmente svelati al pubblico gli affreschi dei fratelli Galliari restaurati nella chiesa di San Bernardino a Caravaggio. Un altro passo verso il recupero completo del complesso, un gioiello della Bassa bergamasca.

San Bernardino e gli affreschi dei Fratelli Galliari

Grazie al FAI e alla banca Intesa Sanpaolo che hanno sostenuto il restauro con 30.000 euro, e al contributo della Fondazione Banca Popolare di Bergamo (20.000 euro) e dell’associazione “Salviamo San Bernardino Onlus” (17.500 euro raccolti con il 5x1000) si è completato il recupero degli affreschi della chiesa di San Bernardino. Stamattina il sindaco Claudio Bolandrini ha presieduto al cerimonia in cui il pubblico ha potuto ammirare nel suo antico splendore l'opera dei fratelli Fabrizo e Giovanni Antonio Galliari. Sono intervenuti il presidente della Provincia Pasquale Gandolfi, il parroco don Giansante Fusar Imperatore, don Franco Perdomini, il presidente del Fai di Bergamo Claudio Cecchinelli e la capogruppo della Bassa bergamasca Pierangela Giussani, il direttore Area Exclusive Bergamo Provincia di Intesa Sanpaolo Stefano Torelli, il presidente dell'associazione "Salviamo San Bernardino Onlus" Angelo Sghirlanzoni, l'architetto Gianmaria Labaa, la storica dell'arte e sindaca di Brignano Beatrice Bolandrini. Assente per impegni istituzionali l'assessore la Turismo Lara Magoni, che ha inviato un messaggio, mentre tra gli altri nel pubblico erano presenti anche la senatrice e sindaca di Misano Daisy Pirovano, il rettore del Santuario monsignor Amedeo Ferrari, il parroco di Treviglio monsignor Norberto Donghi e rappresentanti delle Forze dell'ordine.

Recupero della chiesa: la mission impossible è realtà

Dal 2018 l’Amministrazione sta lavorando al recupero dell’inestimabile patrimonio culturale della chiesa di San Bernardino: il valore dell’operazione è stato pubblicamente riconosciuto con l’assegnazione del quarto posto nel concorso nazionale “Progetto Art Bonus - edizione 2019” e con l’inserimento da parte del FAI nel censimento “I Luoghi del Cuore”.

Dopo gli interventi di restauro effettuati alle coperture, alla facciata, al sagrato, al grandioso ciclo pittorico della Passione di Fermo Stella e alle cappelle laterali grazie al FAI e a Banca Intesa Sanpaolo e al prezioso contributo della Fondazione Banca Popolare di Bergamo (ex Fondazione UBI Banca) e dell’associazione caravaggina “Salviamo San Bernardino – Onlus” si sono conclusi i lavori di recupero dell’aula orientale della chiesa riservata alla comunità dei frati francescani del convento, dove gli sfavillanti affreschi realizzati dai fratelli Galliari nel 1759 trasformano e aggiornano in modo sorprendente la spazialità dell’edificio. È questo uno spazio diviso in due vani, uno maggiore a uso di presbiterio, con volta a crociera costolonata, l’altro, il coro, con le medesime caratteristiche architettoniche del tardo XV secolo.

L’impianto complessivo degli affreschi e l’esecuzione delle quadrature architettoniche sono opera dei Galliari ma le figure sono invece del milanese Federico Ferrario, talvolta attivo a fianco dei fratelli piemontesi per l’esecuzione di scene figurative.

I lavori si sono resi necessari per contrastare il deperimento delle superfici interne dovuto soprattutto alle procedure esecutive (affresco parzialmente a secco) e all’umidità che intaccava le murature. Questi lavori oltre a garantire nel tempo la conservazione di tale vasta opera, ha restituito i caratteri originali del ciclo ripristinandone unitarietà.

La progettazione generale e la direzione dei lavori è stata affidata agli architetti Labaa e Maria Teresa Piovesan di Bergamo, mentre le operazioni di restauro degli affreschi alla ditta "OM Restauri" di Maurizio Orlando di Curno, con la supervisione dell’architetto Luca Rinaldi e della dottoressa Laura Sala della Soprintendenza di Bergamo e Brescia.

"Questo è un momento voluto dal  FAI in cui riconsegnamo alla comunità di Caravaggio, ma a tutti gli amanti della bellezza, dell'arte, della cultura e di questi luoghi di straordinaria spiritualità, la parte della chiesa di San Bernardino che era riservata ai frati francescani - ha affermato il sindaco salutando i presenti - abbiamo esteso l'invito a quanti hanno contribuito al recupero. Una rete virtuosa, grazie a tutti".

Poi ha scherzato sulla necessità di raccogliere altri fondi per completare l'opera.

"Ora mancano solo il coro e l'altare ligneo, peccato che l'assessore regionale Magoni non sia potuta essere presente, le avrei tirato la giacchetta - ha sorriso - lo farò con la senatrice Pirovano qui presente".

Dopo di lui diversi interventi quindi la visita agli affreschi, che hanno incantato tutti.

Leggi di più sul Giornale di Ttreviglio in edicola venerdì 11 novembre.

ad053ee1-ce4a-4c6e-a884-0522e0d40923
Foto 1 di 5
0e3e1609-eb8e-4a3e-8b53-453b417f35f9
Foto 2 di 5

Caravaggio Inaugurazione restauri affreschi dei Fratelli Galliari a San Bernardino

particolare durante il restauro
Foto 3 di 5

Caravaggio Inaugurazione restauri affreschi dei Fratelli Galliari a San Bernardino

part. durante restauro
Foto 4 di 5

Caravaggio Inaugurazione restauri affreschi dei Fratelli Galliari a San Bernardino

Volta
Foto 5 di 5

Caravaggio Inaugurazione restauri affreschi dei Fratelli Galliari a San Bernardino

Seguici sui nostri canali