Riparte “Castelli Aperti”, il circuito si allarga anche fuori provincia

Ben 17 tra borghi, palazzi e manieri apriranno le porte ai visitatori

Riparte “Castelli Aperti”, il circuito si allarga anche fuori provincia
28 Agosto 2017 ore 12:49

Ricominceranno domenica 3 settembre le “Giornate dei Castelli Aperti”. La manifestazione organizzata dallo Iat di Martinengo quest’anno coinvolgerà ben 17 borghi, palazzi e manieri.

Castelli Aperti

Si espande anche fuori provincia la manifestazione “Castelli Aperti” organizzata dallo Iat di Martinengo. Da settembre a novembre la prima domenica di ogni mese ritorna l’ormai consueto appuntamento con la cultura. Nato 3 anni fa con 7 castelli aderenti il circuito ha attratto migliaia di visitatori nella Bassa, provenienti da tutta la Lombardia. Da quest’anno il circuito si espande anche fuori dalla provincia di Bergamo: apriranno le porte anche i castelli di Soncino, Pandino e Trezzo d’Adda. Tra le “new entry” del circuito anche il castello di Lurano.

Quando e come visitarli

Domenica 3 settembre saranno aperti al pubblico i castelli di Pandino, Soncino, Lurano, Trezzo, Malpaga,Cavernago, Romano, Pumenengo, Urgnano e Pagazzano. Apriranno le porte anche Villa Oldofredi a Calcio, Palazzo Barbò a Torre Pallavicina, Palazzo Gallavresi a Caravaggio e  Palazzo Visconti a Brignano Gera d’Adda. Da visitare anche i borghi storici di Martinengo e Cologno al Serio, oltre al museo verticale di Treviglio.
Ognuno potrà organizzarsi un proprio tour in base agli orari di apertura oppure usufruire del servizio pullman. Il pullman partirà da Bergamo e condurrà i suoi passeggeri in un viaggio alla scoperta di due diverse località, con guida turistica a bordo. Compreso nel prezzo dell’escursione (50€) anche il pranzo. Il servizio pullman è su prenotazione mentre per le visite guidate è sufficiente presentarsi all’orario scelto.
Tutte le informazioni dettagliate si trovano sul sito dello Iat di Martinengo.

 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia