Pietre e fiori in via Sangalli, ecco l'ultima installazione di Mombrini

La prima installazione risale al 2014 e si trattava di ombrelli, poi ci furono pesci, maggiociondoli e bottiglie. Quale vi piace di più?

Pietre e fiori in via Sangalli, ecco l'ultima installazione di Mombrini
Cultura Treviglio città, 26 Marzo 2018 ore 11:52

In principio furono gli ombrelli... Torna anche quest'anno l'appuntamento con l'installazione dell'artista Battista Mombrini e in via Sangalli i fiori nascono dalle pietre.

Pietre e fiori in via Sangalli

E' iniziata la primavera e anche se le temperature hanno ancora un sapore un po' invernale dei fiocchi di neve appesi lungo i 220 metri di via Sangalli non ne potevamo più. Bellissimi, suggestivi, ma davvero troppo natalizi. Ecco che puntuale è arrivata la creazioni primavera-estate 2018 che ha portato un'esplosione di fiori nella centralissima via trevigliese.

Ben 300 pietre

La via è stata "addobbata" con 300 pietre bianche, realizzate con un particolare polistirolo anti vento e idrorepellente, da cui nascono dei bellissimi fiori colorati. E' la primavera, ma è anche il messaggio "sociale" che l'artista vuole inviare: far nascere i fiori dalle nostre pietre...

Quinto anno di installazioni

Per i trevigliesi passeggiare in via Sangalli con il naso all'insù sta quasi diventando un'abitudine. La prima volta è successo nel 2014. Per salutare l'estate era nata una nuova iniziativa, sempre realizzata da Mombrini, ossia quella di abbellire la via con tantissimi ombrelli colorati. Quell'anno l'ombrello portò un po' sfortuna, l'estate fu piovosa e in molti ci scherzarono su. Poi nel 2015 fu la volta dei pesci colorati e l'anno successivo dei maggiociondoli. Nel 2017 il colpo d'occhio fu forte con le settemila bottiglie di plastica colorate.

Ve le ricordate tutte? Quale è stata la vostra preferita?