Treviglio

Noi del Rione Ponte di Pontirolo sul palco del Filodrammatici

Lo spettacolo, che s'inserisce nella rassegna Piccole compagnie crescono, darà modo al gruppo di amici di cimentarsi con la recitazione.

Noi del Rione Ponte di Pontirolo sul palco del Filodrammatici
Cultura Treviglio città, 28 Gennaio 2020 ore 10:53

“Questa sera (non) si recita”. E’ questo il titolo della spettacolo teatrale in programma per domenica 2 febbraio alle 17 al Teatro Filodrammatici di Treviglio. Lo spettacolo, che s’inserisce nella rassegna Piccole compagnie crescono, sarà portato in scena dal gruppo teatrale “Noi del rione Ponte” di Pontirolo.

Noi del rione Ponte sul palco

Il gruppo teatrale “Noi del Rione Ponte” è una compagnia di persone nata in un ambiente familiare, di amicizia e di legami profondi una decina di anni fa. La passione che accomuna tutti i membri del Rione è semplicemente fare spettacolo. Con canti, balli o esibizioni a tema richiesti dalla serata in programma, questo gruppo di amici ha
deciso di misurarsi con una realtà finora a loro sconosciuta: il teatro.

Nessun professionista, nessuna prima donna, nessuna velleità recitativa, ma pronti ad accettare una nuova sfida collaborando gli uni con gli altri con spirito, goliardia e soprattutto con l’amicizia che li lega da anni, nonostante le differenze caratteriali e di età che contraddistingue ogni suo membro.
Guidati dalla sapiente guida di una persona che in punta di piedi è entrata a pieno merito nelle loro vite, stanno per realizzare il loro sogno, quello di esibirsi davanti ad un vero pubblico, in un vero teatro, senza veli né inibizioni, ma rispecchiando la realtà dei nostri tempi. E i biglietti sono andati esauriti in pochissimi giorni.

La rassegna Piccole compagnie crescono

“Siamo entusiasti per il successo di pubblico che sta riscuotendo la rassegna delle Piccole compagnie crescono –  afferma Alberto Galli direttore artistico del Teatro Filodrammatici – continuano e aumentano le richieste di poter far parte di questa rassegna e questo significa che la voglia di fare teatro anche a livello amatoriale è aumentata tantissimo. La passione che ci mettono le compagnie o gruppi di teatro amatoriali è ripagata dalla magia del palcoscenico che riesce a creare la giusta emozione che viene poi trasmessa al pubblico.”

Proposta ormai fissa del cartellone, questa rassegna da tre anni permette a giovani gruppi di recitare su uno storico e prestigioso palco, offrendo così un’occasione importante per chi con passione e capacità sperimenta l’arte teatrale. Dall’anno scorso è dedicata all’attore Ruggero Cara, prematuramente scomparso nel luglio 2018:

“Un grande maestro nell’arte, un attore assoluto, a nostro parere il più grande attore della sua generazione anche se poco riconosciuto da un sistema che non sempre sa guardare oltre per trovare la vera grandezza, ma che si ferma alla ridondanza dell’apparire – afferma il direttore artistico Alberto Galli – Un gesto fortemente voluto nei confronti di una persona che ha dato tanto al mondo del teatro e ha dato tanto anche a noi personalmente, nella speranza che le nuove generazioni, avvicinandosi al teatro, possano scoprirlo e imparare qualcosa da lui come lo è stato per noi”.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli