Tasso e Urgnano

In Rocca una sala dedicata al Tasso, che scrisse un sonetto a Lucia Albani

Tasso era solito viaggiare per i territori della Repubblica di Venezia e quindi anche Urgnano.

In Rocca una sala dedicata al Tasso, che scrisse un sonetto a Lucia Albani
Media pianura, 14 Novembre 2020 ore 12:42

C’è qualcosa di Torquato Tasso all’interno del Castello Albani di Urgnano. A riscoprirlo sono stati i membri dell’associazione culturale PromoUrgnano, che gestiscono la parte di promozione culturale della Rocca.

La sala Tasso

In questi giorni, infatti il gruppo ha terminato l’allestimento di alcune sale del castello, ad oggi rimaste vuote e spoglie, e quindi inutilizzate. Una di queste sarà dedicata proprio al celebre poeta manierista di fine 500, Torquato Tasso, che sebbene fosse nato a Sorrento aveva origini bergamasche, poiché il padre, Bernardo era membro di un’antica famiglia orobica. Tasso, quindi, era solito viaggiare per i territori della Repubblica di Venezia e quindi anche Urgnano. Ebbe modo di conoscere così Lucia Albani, membro della famiglia urgnanese e celebre poetessa dell’epoca. A cui dedicò pure un sonetto.

Il sonetto

O chiara luce di celeste raggio,

Ch’un’alma pura, e duo begli occhi illustri;

E tra rose vermiglie, e bei ligustri

Scopri nel volto quasi un lieto Maggio;

Luce gentil, che non ricevi oltraggio

Dal tempo avaro, o dal girar de lustri;

Ma fra titoli, e pompe, e fregi illustri

Ne segni al ciel sublime alto viaggio;

Serio o Brembo per te non sol riluce,

Ma se gli antichi tempi ancora i’ guardo,

Mi par che Roma ne lampeggi et Alba

E ben mi dolgo, che si grave, e tardo

Ti lodo, e canto, o mia serena luce,

Che sei del vero sole aurora et Alba.

Torquato Tasso
a Lucia Albani

 

Leggi di più su Romanoweek in edicola

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia