Menu
Cerca

Il Santuario di Caravaggio come non l'avete mai visto FOTO

Da domenica si trova esposto nella chiesa di Santa Elisabetta.

Il Santuario di Caravaggio come non l'avete mai visto FOTO
Cultura Treviglio città, 03 Maggio 2018 ore 13:53

Undici anni di impegno e una pazienza da certosino, ma soprattutto un’immensa passione per il modellismo. Sono questi gli ingredienti della ricetta perfetta che ha permesso al 77enne Mario Grasselli di realizzare una vera e propria opera d’arte. Si tratta del modello in scala 1:60 del Santuario della Beata Vergine del Fonte. Una riproduzione così fedele da essere maniacale, ma che nell’effetto finale è semplicemente straordinaria.

Dettagli e materiali scelti con cura

4 foto Sfoglia la gallery

Tutti i dettagli sono perfetti. I materiali, per lo più legno, ottone e marmo sono stati usati per alcuni dettagli, rendono l’immagine e la solidità dell’edificio particolarmente reali. I colori sono vivi e rispecchiano fedelmente quelli del monumentale tempio mariano.
Anche perché Grasselli all’interno (e all’esterno) del Santuario ci ha passato oltre tre mesi con il solo scopo di studiarlo nei minimi dettagli.
Per realizzarla ci ha impiegato 11 anni. All’interno del suo garage, attrezzato a semplice laboratorio, ha trascorso gran parte delle sue giornate fino ad arrivare alla fine.

In mostra a Santa Elisabetta

Ora potrà essere ammirata da tutti. Grazie al sistema automatico che solleva la parte superiore è persino possibile vedere l’interno con l’altare maggiore, l’organo e tutti gli altari minori ognuno con le sue caratteristiche.
Inutile dire che è lei la regina della mostra inaugurata domenica nella chiesa di Santa Elisabetta. In esposizione anche altre opere di Grasselli che negli anni ha ricevuto diversi premi a livello nazionale e internazionale. Insomma, un vero maestro del modellismo.
L’associazione «Open Road» non si è fatta scappare l’opportunità di dare spazio a un’eccellenza tutta caravaggina. In 50 circa domenica hanno presenziato all’inaugurazione durante la quale Grasselli ha potuto spiegare le fasi della lunga realizzazione.

Collaborazione con "Open Road"

«È stato un piacere collaborare alla realizzazione di questa mostra, da un certo punto di vista sentita come doverosa, un riconoscimento necessario per il grande lavoro svolto dal nostro concittadino Mario, artista nel modellismo - ha commentato Sofia Fratelli, organizzatrice dell’evento per “Open Road” - L'inaugurazione ha confermato le attese: volti meravigliati, stupiti, increduli innanzi all'eccezionalità del lavoro, indice di un ineffabile talento».
Soddisfatto anche l’autore che ha ringraziato tutti gli intervenuti ed è rimasto piacevolmente colpito dalla meraviglia e dell'incredulità che la sua opera ha suscitato in chi l'ha vista per la prima volta.