Decimo censimento nazionale del Fai

I Giardini pubblici di Porta Serio di Crema i più votati della provincia di Cremona GALLERY

Il polmone verde di Crema al 117esimo posto nella classifica 2020 (21esimo in Lombardia) dei "Luoghi del cuore": ma si può ancora votare!

I Giardini pubblici di Porta Serio di Crema i più votati della provincia di Cremona GALLERY
Cremasco, 16 Novembre 2020 ore 10:13

Da pochissimi giorni è online sul sito www.iluoghidelcuore.it l’aggiornamento ufficiale della classifica che vede i Giardini pubblici di Porta Serio di Crema, con 2.224 voti, primi nella provincia di Cremona e ventunesimi in Lombardia.

I Luoghi del cuore in provincia di Cremona

Ma la classifica dei Luoghi del cuore nella provincia di Cremona prosegue con al secondo posto il Castello Visconteo di Pandino (709 voti), al terzo la Chiesa vecchia di Casaletto Vaprio (226 voti), al quarto il Mulino di Cumignano sul Naviglio (162 voti), al quinto la Racco sforzesca di Soncino (126 voti), al sesto Palazzo Zurla De Poli di Crema (123 voti), al settimo Piazza Matteotti di Isola Dovarese (110 voti), all’ottavo il Campanile della chiesa di Ripalta Nuova (107 voti).

Sosteniamo i Giardini di Porta Serio

Il Comitato “Insieme per i Giardini pubblici di Porta Serio di Crema” invita tutti i cremaschi a sostenere i Giardini raccogliendo in sicurezza le firme dei propri familiari, amici e colleghi sulle schede che andranno consegnate entro lunedì 7 dicembre 2020, nelle scatole-raccoglitore predisposte nella Libreria Cremasca (via Cavour, 41, Crema), la Libreria La Storia di Simona Lunghi (via Griffini, 1, Crema) e la Pro Loco di Crema, in piazza Duomo.

I Luoghi del Cuore

“I Luoghi del Cuore”, Censimento nazionale indetto dal FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano, è un progetto sviluppato grazie all’impegno di tantissime persone che si attivano e, con determinazione, coinvolgono le comunità locali affinché i luoghi che amano siano protetti per sempre. Oltre a premiare i primi tre classificati e i vincitori delle classifiche speciali, il FAI, dopo il censimento, nei primi mesi del 2021, sosterrà una selezione di progetti promossi dai territori a favore dei luoghi che hanno raggiunto una soglia minima di 2.000 voti. Superare i 2.000 voti è l’obiettivo che si prefigge il Comitato “Insieme per i Giardini pubblici di Porta Serio” per poter presentare una proposta di  restauro o di valorizzazione o un’istruttoria sulla base di specifici progetti d’azione concordati con il proprietario del bene, il Comune di Crema.

Come si vota

Il voto è gratuito e consentito a tutti (maggiorenni e minorenni, italiani o di altre nazionalità, con voto online dall’Italia o dall’estero o su moduli cartacei. Si possono votare tanti luoghi candidati, ma solo una volta lo stesso luogo (online www.iluoghidelcuore.it o su modulo cartaceo). Per votare online è sufficiente un indirizzo email valido o un account Facebook mentre non è necessario iscriversi al FAI.

I Giardini pubblici di Porta Serio  sono sostenuti dal Comitato “Insieme per i Giardini di Porta Serio” (qui i contatti) al quale aderiscono l’associazione “Salviamo il Menasciutto”, Alvaro Dellera, WWF Cremona, Delegazione FAI di Crema, Associazione Ex-Alunni Liceo “A. Racchetti” Crema, Fiab Cremona – sezione locale Fiab Cremasco e il Gruppo Antropologico Cremasco.

Sei motivi per votare i Giardini di Porta Serio

6 foto Sfoglia la gallery

 

L’aiuto delle scuole e del territorio

Da pochissimo sono stati resi disponibili i moduli specifici per le scuole, per coinvolgere anche i ragazzi in questa gara simbolica a favore di luoghi importanti del nostro territorio. Con il Censimento “I Luoghi del Cuore” il FAI vuole dimostrare che le persone – insieme – possono
essere il motore del cambiamento a favore del patrimonio. Per informazioni crema@delegazionefai.fondoambiente.it
Grazie all’estesa attività di sensibilizzazione che lo caratterizza, la partecipazione al Censimento permette di dare risonanza alle richieste delle comunità, creando collegamenti con istituzioni e stakeholder locali: collaborazioni virtuose che in alcuni casi consentono la rinascita di beni in stato di degrado, di abbandono o addirittura a rischio scomparsa, attraverso lo stanziamento di fondi aggiuntivi rispetto a quelli resi disponibili da FAI e Intesa Sanpaolo nell’ambito del progetto.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia