Per gli amanti dell’arte, oggi riparte “Castelli Aperti”

Cosa c'è di meglio, per una domenica pomeriggio, se non una visita ai fantastici castelli del nostro territorio?

Per gli amanti dell’arte, oggi riparte “Castelli Aperti”
03 Settembre 2017 ore 10:51

L’estate non è ancora finita e  il bel tempo di questa prima domenica di settembre ne è la prova. Occasione utile per visite e gite fuori porta: oggi, infatti, riprendono le “Giornate dei castelli, palazzi e borghi medievali” con l’apertura di ben 17 manieri e palazzi storici con l’aggiunta di 4 nuove località.

4 new entry

Ad aggiungersi all’elenco dei paesi che hanno deciso di aprire i loro palazzi storici, c’è Pandino con i suoi sontuosi castelli, Soncino e nel milanese Trezzo d’Adda con il suo castello. Unica new entry per Bergamo è il castello di Lurano che però sarà disponibile solo da domenica 1 ottobre.

Un circuito sempre più vasta

Un circuito che si continua ad espandersi. E diventa pertanto anche sovra provinciale, raggiungendo le province di Cremona e Milano, dopo essere partiti dalla Bassa bergamasca ormai ben 4 anni fa: un intero territorio che insieme può vantare un’offerta turistica di assoluta qualità e varietà. A testimonianza di ciò, basti pensare ai numeri registrati finora. Oltre 13 mila ingressi solo nelle 5 giornate di apertura primaverile del 2017, un trend che si ripete ormai da due anni e si sta confermando per questa edizione.

Tanto altro, oltre al castello

Numerosissime anche le iniziative e gli eventi organizzati dai 17 castelli adatti a tutte le età e per tutti i gusti: mostre, apertivi, sagre, percorsi per bambini e tanto altro. Come a Calcio. Dove per l’occasione dopo la visita ai muri d’autore sarà visitabile in gelateria anche una creazione denominata Murales e presente solo per la giornata delle visite ai muri calcensi. Insomma, non solo arte e storia. Castelli aperti consente di conoscere il territorio in una maniera nuova e a 360 gradi.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia