Menu
Cerca

Coro Icat, al via i festeggiamenti per il 50esimo

Due concerti, venerdì sera al Tnt e il 24 novembre in Basilica, e un'esposizione per celebrare il grande evento

Coro Icat, al via i festeggiamenti per il 50esimo
Cultura 23 Ottobre 2017 ore 18:02

Gruppo corale Icat Città di Treviglio, da venerdì iniziano gli eventi per festeggiare i 50 anni dalla fondazione. In programma due concerti, al Tnt e nella Basilica di San Martino, e una mostra sull'attività svolta dalla corale nel corso del suo primo mezzo secolo di vita.

Coro Icat

Le celebrazioni si terranno a partire da venerdì (con il primo concerto al Tnt di piazza Garibaldi, alle 21), fino al 24 novembre (con il secondo concerto nella Basilica di San Martino, sempre alle 21). Verrà organizzata anche una mostra antologica dal titolo «Voci e ricordi», che è stata allestita nella sala «Meno Uno» di piazza Garibaldi e che sarà aperta per tutto il periodo. Esposizione che, con vari pannelli fotografici e manifesti, accompagnerà il visitatore nel percorso anche attraverso elementi multimediali. Il concerto di stasera, invece, accompagnerà il pubblico attraverso 50 anni di musica interpretata dall’Icat presentando quei brani fra i più significativi e rappresentativi di ogni periodo e di ogni direttore.

50 anni di storia

Il coro icat è stato costituito nel mese di ottobre del 1967 a seguito dell’entusiasmo di due persone che hanno chiamato a raccolta loro amici che fossero anch’essi appassionati di canti di montagna.
Nel corso di alcuni anni a questi brani vennero accostati altri di natura tradizionale e popolare, sempre eseguiti da voci maschili; di quell’epoca sono da ricordare la partecipazione nel 1971 a una trasmissione serale televisiva dell’allora chiamato «canale nazionale» e una seconda alla televisione svizzera, l’incisione di 3 dischi, nonché la partecipazione a diversi concorsi nazionali e internazionali, con diversi primi posti e piazzamenti di alto prestigio. Nel 1985 il coro ha una grossa trasformazione, passando dalle sole voci maschili alle voci miste, diventando pertanto coro polifonico e affrontando, di conseguenza, un repertorio di altra natura.  Nel 2013 ha avuto l’autorizzazione da parte dell'Amministrazione Comunale di fregiarsi della denominazione «Città di Treviglio».