Cultura
Spino d'Adda

Coppia di cicogne nidifica in paese FOTO

I consigli della guardia ecologica per osservarle senza spaventarle.

Coppia di cicogne nidifica in paese FOTO
Cultura Cremasco, 09 Marzo 2020 ore 13:33

Le cicogne tornano a Spino d'Adda. Un appuntamento che si rinnova ogni anno, ma questa volta hanno nidificato.

Il nido sull'albero

Non è ancora arrivata l'estate, eppure gli spinesi hanno già ricevuto la visita di uno dei volatili più amati e conosciuti al mondo. Da qualche giorno, nel comune rivierasco ha preso domicilio una coppia di cicogne che ha nidificato nel cortile di un condominio di via Fontanino. Tuttavia, la loro magnifica presenza si può osservare comodamente dalla strada, perché i due grossi pennuti hanno nidificato sulla cima di un albero visibile anche dalle strade circostanti.

Punto d'osservazione

Per osservare le cicogne senza arrecare loro disturbo e godere al contempo di un'ottima visuale sulla loro quotidianità, è possibile fermarsi in via Manzoni, al parco Donatori del sangue. A dare la notizia dell'avvistamento è stato Roberto Musumeci, guardia ecologica volontaria e fotografo naturalista che nei giorni scorsi ha individuato la coppia di volatili al lavoro sulla propria casa di rami e foglie. Le sue foto ritraggono svariate istantanee della nidificazione e dell'accoppiamento, che le cicogne ripetono sovente per assicurarsi di dare alla luce la prole.

I consigli dell'esperto

«I condomini dello stabile in cui hanno nidificato le cicogne si devono ritenere molto fortunati, perché le cicogne sono animali di buon auspicio – ha spiegato Musumeci – In Olanda, per esempio, è normalissimo trovare i nidi delle cicogne sui comignoli e la popolazione convive rispettosamente con questi uccelli. Da noi in Italia si sono verificati casi di pura inciviltà, con persone che hanno persino sparato ai nidi. Eppure questi uccelli sono molti utili nell'equilibrio della biodiversità, dal momento che si cibano di topi, favorendo la derattizzazione».

Negli anni passati, si sono contati avvistamenti di cicogne nei pressi del cimitero, nei campi a ridosso della "Paullese", in via Manzoni, via caduti di Nassiriya e sulla provinciale verso Rivolta d’Adda, ma mai prima d'ora avevano nidificato.

Animale antico

La cicogna è un animale che appartiene storicamente al territorio del Cremasco-Lodigiano, ma le condizioni ambientali avevano portato alla sua parziale estinzione. Grazie al Centro Visite di Castiglione d'Adda, situato nei pressi della Riserva Naturale Orientata Adda Morta - Lanca della Rotta, è presente la stazione di ambientamento della cicogna bianca a sostegno del programma di ripopolamento promosso dalla "Lega italiana protezione uccelli", che ha portato ad un progressivo aumento di cicogne. Musumeci ha deciso di fornire agli spinesi consigli utili, di rispetto e senso civico, per favorire la permanenza in paese dell'animale. La vita dell’uccello migratore non prevede dimora fissa e le cicogne, famose per il piumaggio candido, il becco arancione e l’apertura alare di due metri, volano su Europa, Africa, Asia, affrontando viaggi di durata impressionante. Si tratta di animali conosciuti fin dall’antichità, ammirati per l’aspetto regale e associati alla procreazione, in virtù dei saldi legami affettivi fra i membri della famiglia. Questi grossi uccelli hanno nidificato sul suolo italiano fino al XVII secolo, per poi abbandonarlo fino alla metà del Novecento, quando hanno iniziato a riaffacciarsi sul Bel Paese.

5 foto Sfoglia la gallery

TORNA ALLA HOME