“Bergamo di Note”, Studio Zeta e i big della musica bergamasca

Qualche nome? La "Mandolinistica" di Leffe e l'"Estudiantina", il maestro Luigi Frosio e più tardi Roby Facchinetti.

“Bergamo di Note”, Studio Zeta e i big della musica bergamasca
Treviglio città, 08 Dicembre 2019 ore 10:47

Usciva esattamente vent’anni fa il libro-evento della musica bergamasca “Bergamo di Note”, e da quella serata di novembre del 1999 quella raccolta eccezionale è indissolubilmente legata a un altro monumento della musica bergamasca: lo “Studio Zeta” di Caravaggio, che da qualche settimana è un cumulo di macerie.

“Bergamo di Note”

Una raccolta unica nel suo genere: un’enciclopedia di quasi cento anni di storia degli spettacoli e della musica in Bergamasca raccontati attraverso fotografie, articoli di giornali, manifesti, locandine, copertine di dischi e spartiti. Centinaia di «suonatori» che dai primi del secolo, quando la musica ha iniziato a lasciare i teatri dell’opera per trasferirsi nelle piazze e nelle balere, hanno portato il nome di Bergamo in giro per il mondo.

Leggi l’articolo intero sul Giornale di Treviglio in edicola

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia