Il teatro trevigliese gemellato con Romsey

Esperienza di successo che ha portato Treviglio oltremanica

Il teatro trevigliese gemellato con Romsey
Cultura 18 Luglio 2017 ore 09:32

TAE Teatro a Romsey: il resoconto di un’esperienza di successo. Dal 7 al 10 luglio la Compagnia trevigliese TAE Teatro è stata invitata a partecipare al Beggars Fair, un importante Festival triennale dedicato alla musica, teatro e altre arti performative tenuto nella cittadina inglese di Romsey.

Gemellati con Romsey

TAE Teatro ha collaborato con l’associazione “Amici di Romsey” nell’ambito delle iniziative del gemellaggio internazionale tra di Treviglio e la città del Regno Unito. Dopo un organizzazione durata ben due anni, il gruppo di teatranti concittadini (Alice Castiglioni, Nicola Iannaccio, Francesca Gatti, Stefano Ulivieri e Stefano Rozzoni) ha potuto portare oltremanica alcune dei lavori per cui si è distinto in ormai due decenni di attività. Tra le varie esibizioni più apprezzate, per la regia di Lele Gaballo, vi è una parata di trampolieri nei vicoli della città, che grazie alla collaborazione con alcuni musicisti locali, ha creato stupore e meraviglia tra gli spettatori. A detta degli organizzatori del Festival si è trattato della prima volta che dei trampolieri si esibivano a Romsey. L’utilizzo di alcune maschere della commedia dell’arte, in collaborazione con l’attrice Claudia Contin Arlecchino, ha reso ancor più peculiare l’esibizione.

“Sfumature di donna” parla inglese

Oltre a ciò, TAE Teatro ha portato uno spettacolo in repertorio “Lettere – Sfumature di Donna” che è stato per l’occasione tradotto in lingua inglese, anche grazie all’aiuto di diversi appassionati e studenti di lingua italiana che abitano nella cittadina. Nonostante quel che si dica sullo humor inglese, le due repliche dello spettacolo sono state un successo e gli attori hanno raccolto diversi complimenti. Una lettura poetica con accompagnamento musicale dedicata alla scrittrice Vita Sackville-West ha rappresentano un’ulteriore performance emozionante, complice la cornice della millenaria Romsey Abbey all’interno del quale si è tenuto l’evento.

Workshop con i ragazzi disabili

Forte dell’attenzione alla formazione sul territorio che contraddistingue da decenni TAE Teatro, per concludere l’esperienza si è tenuto un workshop sulla costruzione di maschere in cartone per gli utenti di un centro che si occupa di adulti in condizione di disagio e disabilità. Un momento speciale e ben riuscito in cui, al di là di barriere culturali e linguistiche, si è potuto creare e crescere nell’ottica della solidarietà. Questa esperienza ha rappresentato un passo importante per i rapporti tra Treviglio e i partner internazionali, anche in un’ottica lungimirante: esportare i talenti e le capacità che caratterizzano da anni l’identità della città è sempre una carta vincente.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli