Visita agli orti sociali per i primini

Una decina di volontari a disposizione dei più piccoli per tramandare i segreti dell'agricoltura e il valore della terra

Visita agli orti sociali per i primini
Cremasco, 09 Ottobre 2019 ore 12:43

Studenti-agricoltori agli orti sociali di via Carnita a Quintano. Bambini e bambine di prima elementare hanno imparato come lavorano gli “agricoltori urbani” e conosciuto i loro segreti grazie a una visita guidata da tantissimi volontari.

La visita della primaria

Torna anche quest’anno la visita agli orti sociali di Quintano. Martedì 8 ottobre gli alunni della primaria, accompagnati dalle insegnanti Elisa Raffagnini e Arianna Dognin, hanno imparato a zappare l’orto e appreso i segreti della semina grazie a un progetto riproposto di anno in anno. Lo scopo dell’uscita è comprendere la ciclicità del tempo (in primavera ci sarà una seconda visita) e cogliere i cambiamenti della natura nelle varie stagioni.

Tanti volontari

La trasmissione dei saperi legati alla coltivazione è peculiare, specie in un periodo storico che vede l’ambiente come elemento da preservare a tutti i costi, anche in virtù della situazione climatica instabile che vive il pianeta. Per questo, i volontari Angelo Durelli, Paolo Antonelli, Paolo Carniti, Felice Bressana, Giorgio Martellosio, Alessandro e Pietro Cadei, Tiziano Zecchini e l’assessore Erika Pandini si sono messi a disposizione della scuola, aiutando le insegnanti a portare aventi una didattica sperimentata sul campo, che funziona perché stimola e appaga gli alunni.  Preparare gli orti per la semina, vangare il terreno, raccogliere i frutti. Sono tante le cose da fare quando si possiede un orto. Ora gli alunni della primaria di Pieranica-Quintano possono dire di sapere come fare.

Gli orti sociali

Gli orti sociali nascono per ridare una spinta all’agricoltura urbana e favorire l’invecchiamento attivo della terza età. Gli appezzamenti comunali sono tredici in tutto, estesi su un centinaio di metri quadrati ciascuno e dotati di appositi pozzi per l’approvvigionamento. Gli orti sono in comodato d’uso tre anni ed è permessa la coltivazione solo di ortaggi utili alle esigenze dell’assegnatario e della sua famiglia. Infatti, fra le finalità degli orti c’è anche il sostegno delle famiglie in difficoltà socio-economiche. I criteri per la determinazione della graduatoria di assegnazione degli orti sono indicati nel bando.

TORNA ALLA HOME

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve