Cronaca

Violenza domestica 40enne allontanato da casa a Romano

Violenza domestica 40enne allontanato da casa a Romano
Cronaca Romanese, 18 Marzo 2019 ore 10:06

I Carabinieri della Compagnia di Treviglio, domenica notte, hanno eseguito un allontanamento d’urgenza dalla casa familiare nei confronti di un 40enne rumeno, di professione operaio, per violenza domestica.

Ennesimo episodio di violenza domestica

L’uomo, sabato sera, per l’ennesima volta, in stato di evidente ubriachezza ha aggredito la moglie convivente, una sua connazionale di poco più giovane di lui. Da tempo sposati e domiciliati a Romano di Lombardia, già dal 2012 le cose tra i due non andavano bene. Erano state fatte già delle denunce da parte della donna maltrattata nei confronti del marito, ogni volta però poi ritirate dalla stessa nella speranza che il marito appunto cambiasse atteggiamento. Le ingiurie, le minacce e le continue violenze psicologiche per lo più avvenivano anche davanti alla figlia di 10 anni della coppia, motivo per il quale i militari dell’Arma hanno contestato i maltrattamenti in famiglia con l’aggravante della cosiddetta “violenza assistita.

40enne allontanato da casa

E’ stata una chiamata al “112” a determinare quindi l’intervento di una pattuglia del Comando Stazione CC di Romano di Lombardia e di una “gazzella” del Nucleo Radiomobile di Treviglio. Messa in sicurezza la donna con la figlia, l’uomo veniva quindi rintracciato dai Carabinieri e, dopo aver dato debita comunicazione al PM di turno, disposta la misura precautelare dell’allontanamento d’urgenza dalla casa familiare nei suoi confronti. Oggi, in mattinata, davanti al Tribunale di Bergamo, si svolgerà la relativa udienza di convalida, essendo appunto tale provvedimento limitativo della libertà personale parificato per legge ad un arresto o a un fermo.

TORNA ALLA HOME