Ucciso e buttato nel naviglio, convalidato l'arresto del cugino

Alcuni mazzi di fiori e una decina di ceri sono apparsi a Calcio nel luogo del ritrovamento di Erion

Ucciso e buttato nel naviglio, convalidato l'arresto del cugino
Cronaca Romanese, 19 Gennaio 2020 ore 08:50

Aggiornamento:

E' stato convalidato l'arresto di Musli Morina il cugino di Erion Morina, ucciso nella notte tra giovedì e venerdì a Calcio. L'accusa è di omicidio volontario. Il 20enne avrebbe, però, ammesso di aver colpito il cugino per difendersi durante la lite scoppiata sulla strada di casa.


Arrestato con l'accusa di omicidio volontario il kosovaro Musli Morina, cugino e coetaneo di Erion Morina, il 20enne ucciso in centro a Calcio, il cui corpo è stato ritrovato venerdì mattina  nel naviglio.

La conferma degli inquirenti

A confermare a proposito dell'avvenuto arresto sono stati gli inquirenti. Ieri sera, sabato 18 gennaio, dopo che per tutta la giornata era stato mantenuto il più assoluto riserbo sugli sviluppi delle indagini è arrivata la notizia dell'arresto, non rivelando però eventuali dettagli della lite sfociata nell’omicidio e nemmeno se Musli abbia confessato. Si sa però che il cugino kosovaro è stato trattenuto a lungo nella caserma di Treviglio dell’Arma per l’interrogatorio.

L'attenzione sul cugino

Le attenzioni dei carabinieri e della Procura – titolare del caso è il sostituto procuratore Silvia Marchina – si erano comunque concentrate fin da subito sul ventenne, con il quale Erion Morina abitava a Calcio, non lontano dal luogo della lite di giovedì notte. A breve si procederà con l’ausopsia sul corpo della vittima: si potrà così capire se la morte è stata provocata dalla caduta nel naviglio o dai colpi ricevuti pochi istanti prima.

TORNA ALLA HOME