Menu
Cerca

Truffe agli anziani, dalla legionella all’Adsl: tre profili di cui diffidare

Truffe agli anziani, dalla legionella all’Adsl: tre profili di cui diffidare
Cronaca Treviglio città, 26 Ottobre 2018 ore 11:06

“Controlli anti-legionella”, finti avvocati, venditori senza scrupoli di contratti tutt’altro che vantaggiosi, se non truffaldini. Sono alcuni dei profili di truffatore che il Maggiore della compagnia dei Carabinieri di Crema Giancarlo Carraro ha tratteggiato ieri, durante un incontro con gli anziani di Ripalta Guerina. Ecco qualche dritta per non cascarci, visto che personaggi di questa (ig)nobile stirpe sono in attività un po’ ovunque, in questi giorni.

“Controlliamo se nell’impianto c’è la legionella…”

Una cosa è certa: i truffatori leggono i giornali. L’ultima frontiera delle truffe agli anziani passa infatti dalle notizie di cronaca sull’emergenza legionella. E’ capitato ad esempio in diverse occasioni, che alle porte delle ignare vittime si siano presentati sedicenti tecnici “addetti al controllo dell’impianto idrico”. Chiedendo di entrare in casa, per verificare proprio la presenza del batterio dalle tubature dell’impianto domestico. Salvo poi approfittarne per chiedere soldi in cambio del (finto) controllo.

“Sono l’avvocato di suo figlio…”

In queste settimane, del resto, casi del genere o simili si stanno registrando un po’ ovunque in tutta la zona. Agli intraprendenti pseudo-tecnici dell’acquedotto si affiancano i tradizionalisti: finti avvocati, ad esempio, che asserendo di essere intervenuti su richiesta dei carabinieri a seguito di un sinistro stradale che ha coinvolto un familiare delle vittime, vengono indotti a pagare fantomatici indennizzi.

L’Adsl che non c’è

“Spesso le vittime vengono contattate telefonicamente anche dai call center che propongono contratti vantaggiosi per le utenze di casa (telefono, luce e gas)” continua il comandante. “In realtà spesso vengono proposte delle tariffe apparentemente “convenienti” (per sempre) che tuttavia nascondono spese accessorie o servizi di noleggio che fanno lievitare di molto il prezzo della bolletta. Grazie a questa campagna di sensibilizzazione che ha coinvolto anche il sindaco Guerini, alcuni anziani si sono fatti avanti lamentando che nei giorni scorsi sono stati contattati da un call center di un gestore telefonico ed hanno sottoscritto un contratto di noleggio per 48 mesi di un modem per utilizzare l’Adsl. In realtà, il Comune di Ripalta Guerina non dispone ancora dell’Adsl e quindi il call center ha fatto una proposta mendace tant’è che la vittima ha sottoscritto un contratto di noleggio di un apparecchio che in realtà non potrà utilizzare e dovrà pagare comunque a meno che non disdica il contratto rivolgendosi al gestore telefonico lamentando quanto successo. L’invito che viene rinnovato è quello di non sottoscrivere contratti telefonicamente ma, nel dubbio, di informarsi presso i negozi convenzionali delle iniziative che sono state proposte per capirne la reale fattibilità”.

TORNA ALLA HOME

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook Bergamasca Eventi & News!

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale di Treviglio: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli