Trova denaro e lo consegna ai carabinieri, si cerca il proprietario

Ora i carabinieri lanciano l'appello affinché il legittimo proprietario si faccia vivo.

Trova denaro e lo consegna ai carabinieri, si cerca il proprietario
Cremasco, 30 Agosto 2018 ore 12:56

Trova denaro e lo consegna ai carabinieri, si cerca il proprietario. E’ successo questa mattina a Spino d’Adda.

Trova soldi al distributore

I carabinieri della stazione di Rivolta sono intervenuti nel piazzale di un distributore Tamoil a Spino, nei pressi del ponte sull’Adda, in seguito alla chiamata di un automobilista che segnalava di aver trovato del denaro. Intorno alle 8.45 i militari sono giunti sul posto e hanno verificato il racconto dell’uomo, un 40enne del posto, che si era fermato per fare rifornimento alla sua auto.

Si cerca il proprietario

Vicino alla colonnina aveva trovato a terra alcune banconote e poiché il distributore era chiuso, aveva deciso di consegnarle ai carabinieri per
cercare di rintracciare la persona che le aveva perse, probabilmente durante la notte, mentre stava facendo rifornimento. Si cerca, quindi, ora il malcapitato (e anche fortunato in questo caso) per la restituzione della somma e il ringraziamento – dovuto – al 40enne.

Cosa dice la legge?

Si ricorda che l’art.827 cod.civ. stabilisce che chiunque trovi un portafoglio o qualsiasi altro oggetto smarrito deve restituirlo al legittimo proprietario se è possibile risalirne all’identità. Questo significa che è nei poteri del ritrovatore aprire il portafoglio, frugare tra le carte e i
documenti alla ricerca degli estremi anagrafici del suo titolare. Il quale, di conseguenza, non potrà battere ciglio se il ritrovatore ha frugato all’interno dell’oggetto, alla ricerca di indizi, né potrà lamentare la violazione della sua privacy ed anzi, dovrà ricompensarlo per la
restituzione dell’oggetto, dandogli il 10% del valore del portafoglio e dei soldi contenuti.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia