Menu
Cerca

Troppa velocità, nel centro storico arriva la "zona 30"

Lo scopo è quello di evitare un appesantimento del traffico, garantendo così maggiore vivibilità del centro storico e, ancora più importante, maggior sicurezza.

Troppa velocità, nel centro storico arriva la "zona 30"
Treviglio città, 21 Settembre 2018 ore 10:54

Rivoluzione per la circolazione delle vetture nelle vie centrali di Pagazzano. La Giunta Moriggi ha, infatti, ritenuto necessario riorganizzare la viabilità del centro storico, in particolare nella zona tra la chiesa e l’oratorio.

Maggior sicurezza

Lo scopo è quello di evitare un appesantimento del traffico, garantendo così maggiore vivibilità del centro storico e, ancora più importante, maggior sicurezza. Ad oggi, nonostante il limite massimo di 50 chilometri all’ora, sulle vie Paissoni, Verdi e Fontana, si registrano velocità che oltrepassano il limite consentito. Dando origine così a situazioni di potenziale pericolo, soprattutto per via dei numerosi pedoni e ciclisti che passano vicino all’oratorio. Ecco perché il Comune ha voluto porre un rimedio al tutto.

Ecco le novità

Ecco quali sono le novità. Nel tratto di via Fontana – compreso tra il parcheggio pubblico di via Fontana e via Verdi – verrà applicato il divieto d’accesso, circolazione e sosta a tutti i veicoli, eccetto i residenti. Nel medesimo tratto di strada verrà, inoltre, istituito il senso unico di marcia. Da via Fontana verso via Paissoni, nel tratto del parcheggio pubblico di via Fontana ci sarà l’obbligo di svolta a sinistra per tutti i mezzi. Infine, sempre per garantire maggiore sicurezza, in via Paissoni verrà istituito un limite di velocità pari a 30 chilometri all’ora con l’installazione di un dosso artificiale. Il periodo di validità è permanente, fino a revoca dell’ordinanza.

Anche un'altra zona interessata ai cambiamenti

Ma le novità per quanto riguarda la circolazione non riguardano solo le vie del centro storico. Anche un altro punto del paese è stato interessato da questo tipo di cambiamenti.

Leggi di più sul numero in edicola del Giornale di Treviglio

TORNA ALLA HOME