Menu
Cerca

Treviglio: contributi a fondo perduto contro gli sfratti per morosità incolpevole – TreviglioTV

Treviglio: contributi a fondo perduto contro gli sfratti per morosità incolpevole – TreviglioTV
Cronaca 07 Marzo 2017 ore 09:10

Redazione, 7 marzo 2017

Il bando del Comune è aperto fino al 7 aprile

C’è tempo fino al 7 aprile per partecipare al bando del Comune che eroga contributo per chi ha subito uno sfratto per morosità incolpevole. Un boccata di ossigeno per chi si trova in difficoltà economiche a causa della crisi. Per chi fosse interessato, di seguito tutte le informazioni:

I beneficiari per essere ammessi al Bando Morosità Incolpevole devono possedere i seguenti requisiti:

– residenza nel Comune di Treviglio alla data di presentazione della domanda;

– avere un I.S.E. (indicatore della situazione economica) non superiore a € 35.000,00 o un valore I.S.E.E. (indicatore della situazione economica equivalente) non superiore a € 26.000,00;

– essere destinatari di un atto di intimazione di sfratto per morosità, con citazione per la convalida;

– essere titolari di un contratto di locazione di unità immobiliare ad uso abitativo regolarmente registrato e risiedere nell’alloggio oggetto della procedura di rilascio da almeno un anno;

– avere la cittadinanza italiana, di un Paese dell’UE, ovvero possedere un regolare titolo di soggiorno, nei casi di cittadini non appartenenti all’UE.

I richiedenti devono, inoltre, trovarsi in una condizione di morosità incolpevole determinata dalla perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare riconducibile ad una delle seguenti ipotesi:

  1. a) licenziamento;
  2. b) mobilità;
  3. c) cassa integrazione;
  4. d) mancato rinnovo di contratti a termine o di lavori atipici;
  5. e) accordi aziendali e sindacali con riduzione dell’orario di lavoro;
  6. f) cessazione di attività professionale o di impresa;
  7. g) malattia grave;
  8. h) infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare che abbia comportato la riduzione del reddito.

La consistente perdita, ovvero riduzione di reddito si determina al raggiungimento di un’incidenza pari al 10% del reddito complessivo familiare.

Non possono richiedere il contributo i nuclei familiari conduttori in cui anche un solo componente sia titolare del diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione nella provincia di residenza di altro immobile fruibile ed adeguato alle esigenze del nucleo familiare.

I contributi, che verranno erogati direttamente al proprietario, sono così destinati:

  1. a) fino a un massimo di € 8.000,00 per sanare la morosità incolpevole accertata dal Comune, qualora il periodo residuo del contratto in essere non sia inferiore ad anni due, con contestuale rinuncia all’esecuzione del provvedimento di rilascio dell’immobile;
  2. b) fino ad un massimo di € 6.000,00 per ristorare la proprietà dei canoni corrispondenti alle mensilità di differimento qualora il proprietario dell’immobile consenta il differimento dell’esecuzione del provvedimento di rilascio dell’immobile per il tempo necessario a trovare un’adeguata soluzione abitativa all’inquilino moroso incolpevole;
  3. c) assicurare il versamento di un deposito cauzionale per stipulare un nuovo contratto di locazione;
  4. d) assicurare il versamento di un numero di mensilità relative ad un nuovo contratto da sottoscrivere a canone concordato fino alla capienza del contributo massimo complessivamente concedibile di € 12.000,00.

I contributi che Regione Lombardia ha assegnato al Comune di Treviglio per la morosità incolpevole in oggetto ammontano a complessivi € 160.670,85 di cui € 91.343,42 già trasferiti a titolo di acconto; la restante somma verrà trasferita a seguito di rendicontazione di quanto liquidato con la prima tranche.

«Treviglio è classificato Comune ad elevata tensione abitativa – afferma l’assessore ai Servizi alla Persona Pinuccia Prandina – e Regione Lombardia per contrastare l’emergenza abitativa ha stanziato 160 mila euro, con questo bando spero che coloro che si trovano in situazione di sfratto a libero mercato possano usufruire della misura: un’opportunità di aiuto che dà risposta alle famiglie fragili economicamente che rischiano di perdere la casa  o sono nelle condizioni di sottoscrivere un nuovo contratto».

Le domande devono essere presentate dal 27 febbraio al 7 di aprile 2017 allo Sportello Unico Piazza Manara ,1.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli