Menu
Cerca

Treviglio: Cava di amianto, il M5S: “I cittadini vengano informati a dovere” – TreviglioTV

Treviglio: Cava di amianto, il M5S: “I cittadini vengano informati a dovere” – TreviglioTV
Cronaca 19 Giugno 2017 ore 10:02

Redazione, 19 giugno 2017

Il Movimento 5 Stelle presenterà una mozione per chiedere che i cittadini vengano informati a dovere sulla discarica di amianto

Pubblichiamo il comunicato del meet up di Treviglio sul progetto che dovrebbe essere realizzato nell’area dell’ex Cava Vailata (nella foto)

Nonostante l’iter vada avanti da oltre un decennio, i cittadini trevigliesi non risultano ad oggi adeguatamente coinvolti su quanto sta accadendo rispetto al progetto della società Te.am Spa di installare una discarica di amianto a poche centinaia di metri dal centro di Treviglio. Ritenendo fondamentale l’informazione della popolazione e il controllo serio e trasparente di ogni atto riguardante la potenziale discarica di amianto che rischia di venire installata nell’ex cava Vailata, il Movimento 5 Stelle di Treviglio ha presentato una mozione a riguardo, da discutersi nel prossimo consiglio comunale.
Abbiamo verificato che ancora oggi girano notizie inesatte, a volte faziose e pericolosamente false, come quella che vuole far credere ai cittadini che la discarica smaltirà l’amianto presente sui tetti trevigliesi.
Dobbiamo ripeterlo ancora una volta: È FALSO!
Te.am Spa è una società privata e smaltirà indifferentemente amianto proveniente da qualsiasi parte d’Europa, scegliendo il cliente migliore per le sue casse. Bisogna dire chiaramente ai cittadini, una volta per tutte, che non vi sarà nessun vincolo di prelazione per i trevigliesi sul materiale da smaltire.
Ci ritroveremo quindi l’amianto sui tetti come adesso e in più 220mila metri cubi (si stima, circa 400.000 tonnellate!) di altro amianto proveniente da chissà dove che verrà portato a Treviglio.
Abbiamo evidenziato che il Sindaco, responsabile delle condizioni di salute della popolazione del suo territorio, deve esercitare con fermezza e profonda diligenza i poteri di programmazione, controllo e giudizio di cui è investito.
In caso di presenza sul territorio di impianti potenzialmente pericolosi, come una discarica di un materiale come l’amianto, egli ha il dovere di agire in ogni maniera per fornire alla cittadinanza un’informazione comprensibile, tempestiva, fruibile dai cittadini senza particolari competenze tecniche e facilmente accessibile.
Chiediamo quindi all’Amministrazione comunale di avviare tempestivamente una campagna che chiarisca le caratteristiche del materiale che potrebbe essere stoccato nel sito dell’ex cava Vailata e le potenziali ripercussioni sociali, economiche e sanitarie dell’avere una discarica di amianto in prossimità del centro di Treviglio.
Crediamo che tale obiettivo potrà essere perseguito anche mediante l’invio alla cittadinanza di appositi opuscoli informativi e la realizzazione di un sito web dedicato.
Riteniamo inoltre utile pensare a un Tavolo di indirizzo e monitoraggio di ogni aspetto delle attività che verranno svolte dalla società Te.am Spa, per quanto di competenza del Comune, aperto alla partecipazione delle Associazioni maggiormente rappresentative del territorio e dei cittadini trevigliesi.
Il Movimento 5 Stelle ritiene che sia inammissibile che un progetto come quello che sta arrivando a Treviglio resti pressoché sconosciuto alla popolazione e crede necessario che i cittadini siano consapevoli e coinvolti in una situazione – quella di avere una discarica di amianto sotto casa – che potrebbe avere enormi ripercussioni negative sulla qualità della vita dei trevigliesi.
Noi continueremo a batterci fino alla fine affinché la discarica non arrivi, come dimostrano anche gli esposti ad ARAC e ANAC, recentemente presentati dal consigliere comunale Calvi e firmati anche dai due consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Dario Violi e Iolanda Nanni.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli