Cronaca
Casirate

Tre gioielli in mostra nelle Giornate Fai d'Autunno

Sabato 16 e domenica 17 ottobre porte aperte ai visitatori di Villa Blondel, Villa Giulia e l'antico castello e dell'azienda "Colombo Filippetti"

Tre gioielli in mostra nelle Giornate Fai d'Autunno
Cronaca Gera d'Adda, 12 Ottobre 2021 ore 11:37

Le Giornate Fai d'Autunno 2021 fanno tappa a Casirate e metteranno in mostra tre gioielli del paese della Bassa. Sabato 16 e domenica 17 ottobre porte aperte ai visitatori a Villa Blondel, sede del palazzo municipale, a Villa Giulia e la corte del castello - ora di proprietà privata - e la visita ad un azienda d'eccellenza del territorio, la "Colombo Filippetti".

Tre gioielli di Casirate in mostra con il Fai

3 foto Sfoglia la gallery

Tornano le Giornate Fai d'Autunno e quest'anno il Gruppo della Bassa pianura bergamasca - che fa parte della Delegazione di Bergamo - ha scelto come tappa Casirate d'Adda. Nel paese della Bassa i visitatori che si iscriveranno potranno visitare tre gioielli quali sono la storica Villa Blondel, sede del palazzo municipale, che per l'occasione aprirà le porte di alcune delle sue sale, normalmente chiuse al pubblico come la sala del biliardo (o sala musica) a pian terreno e quella che una volta era la camera da letto della famiglia Blondel al primo piano. Seconda tappa sarà Villa Giulia, sita all'interno dell'antico "castrum" di Casirate, con la sua torre (non visitabile) che faceva parte del castello, il giardino storico, la cantina e la ghiacciaia. Luoghi oggi di proprietà privata, ma che con un accordo con il Fai apriranno le porte ai visitatori. La terza tappa è la ditta "Colombo Filippetti", azienda storica per il paese che, pur proiettandosi verso il futuro, farà scoprire ai visitatori un po' della sua storia. A guidare nelle visite quanti si iscriveranno saranno gli "apprendisti ciceroni" della scuola Secondaria di primo grado di Casirate - gli alunni delle classi seconde - che il gruppo Fai, guidato da Pierangela Giussani, ha coinvolto insieme ai loro docenti in questa esperienza.

Il sindaco Manuel Calvi: "Un onore ospitare il Fai a Casirate"

Le Giornate Fai d'Autunno 2021 sono state presentate in sala consiliare venerdì alla presenza del sindaco Manuel Calvi, della sua Giunta, dei referenti del Fai di Bergamo, Claudio Cecchinelli (capo Delegazione) e Pierangela Giussani capogruppo per la Bassa bergamasca, e degli imprenditori Fabrizio e Stefano Colombo dell'azienda "Colombo Filippetti". "E' un onore per noi ospitare a Casirate il Gruppo Fai - ha detto il primo cittadino - Un orgoglio mettere in vetrina bellezze di Casirate che chi ci visita, giornalmente, non vede mai. Invito tutti a venire a Casirate perché per noi è bella, interessante e ha tanto da scoprire per chi ci farà visita".
"Le Giornate Fai stimolano la curiosità, fanno fare un po' di fatica per capire cosa c'è sul nostro territorio - ha sottolineato il capodelegazione Cecchinelli - La scelta dei luoghi e delle narrazioni è legato alla scoperta di elementi straordinari che ci sono sul nostro territorio e che, spesse volte, non ci accorgiamo esistano".
"Apriremo ai visitatori per due giorni a Casirate, paese che ha un antico nucleo storico, ha un castello, una torre di avvistamento ed il nucleo originario del paese è costruito sopra il livello stradale perché in passato sotto c'era un lago. Cose da vedere, osservare e capire qui ce ne sono tante - ha illustrato Giussani - Vedremo Villa Blondel che ha sale non sempre aperte al pubblico: a piano terra l'ufficio dell'assistente sociale, che un tempo era la sala da pranzo della famiglia Blondel è ha affreschi e pareti ben conservate; la sala del biliardo la ex sala consiliare e la sala musica; al piano superiore scopriremo quella che era la camera da letto dei Blondel con il soffitto a cassettone dell'epoca e la cassaforte originale. L'altra luogo storico è Villa Giulia, edificio privato che fa parte di una porzione del castello, che ha un piano terra ristrutturato rispettando l'epoca storica in cui venne costruito e il primo piano in ristrutturazione ma visitabile. Si passerà poi alla corte del castello, visitando il nucleo storico del paese, con una veduta sulla torre e poi scenderemo nelle viscere di Casirate visitando le cantine e la ghiacciaia".

L'industria che guarda al futuro

La terza tappa delle Giornate Fai d'Autunno a Casirate sarà alla ditta "Colombo Filippetti" di via dell'Industria. Azienda fondata nel 1953 da due soci, oggi è leader internazionale nella progettazione e realizzazione di meccanismi a camme per l'automazione industriale. I visitatori verranno accompagnati in un tour interno all'azienda alla scoperta dei prodotti e delle lavorazioni che vengono realizzate. Per i più giovani sarà organizzato un laboratorio didattico di meccanica "S.T.E.M.: costruiamo insieme una vera timbratrice", riservato a ragazzi e ragazze dai 6 ai 17 anni (sempre su prenotazione). "Ringraziamo il Fai che ci ha coinvolto nelle sue Giornate d'Autunno - hanno sottolineato i fratelli Colombo -. Prendersi del tempo, guardarsi indietro a volte ci serve. Anche per noi che siamo protesi al domani e al dopo domani nel nostro lavoro. Ci serve per ripensare la storia di chi siamo stati e cosa abbiamo fatto sul territorio per la comunità".

Gli eventi collaterali

Oltre alle visite guidate con gli apprendisti ciceroni del Fai Bassa bergamasca, chi farà tappa sabato e domenica in paese potrà contare su diversi eventi collaterali. Il professor Riccardo Moratti curerà domenica 17 ottobre alcune letture manzoniane. La sala consiliare al Centro civico "I cento passi" ospiterà in mostra alcune teche sulla vita del baco da seta, mentre nel viale d'ingresso a Villa Blondel si potrà fare un "tuffo nel passato" con i giochi dimenticati. Sempre domenica il Centro civico di via Bergamina ospiterà dalle 9 alle 18 la prima edizione di "Far Arte a Casirate", manifestazione dedicata agli artisti casiratesi, organizzata dal Comune.
Per informazioni ed iscrizioni alle visite del Fai a Casirate basta consultare il sito www.fondoambiente.it nella sezione dedicata alla Giornate d'Autunno, selezionando come meta Casirate d'Adda.