Menu
Cerca

Pip sistemato e piazza più bella, arriva anche una statua

L'opera verrà realizzata da un'azienda del paese gratuitamente. Il Comune provvederà solo a comprare il materiale.

Pip sistemato e piazza più bella, arriva anche una statua
Cronaca 29 Settembre 2017 ore 11:35

E’ stata approvata ieri sera, durante la seduta del Consiglio comunale, la variante di Bilancio. Tanti sono gli interventi che il primo cittadino Vincenzo Trapattoni ha intezione di realizzare. Tra quelli più significativi ci sono i lavori per la sistemazione del Pip e la realizzazione di una statua, che andrà ad abbellire la nuova piazza in fase di costruzione.

Acquisto dei cavi

Buona parte dell’avanzo, complessivo di novemila euro, sarà destinato per i lavori di ripristino dell’illuminazione nella zona Pip. L’intervento costa complessivamente quattromila euro. Duemila proverranno dal Bilancio comunale. L’altra metà della spesa, invece, verrà sostenuta dall’assicurazione. Infatti un fulmine nel luglio scorso aveva messo k.o. il regolatore di flusso. Ciò ha consentito al Comune di ottenere un risarcimento.

L’abbellimento della piazza

Ma la cifra maggiore dell’avanzo sarà investita per la realizzazione di una nuova statua, che andrà ad abbellire la piazza in fase di costruzione. L’opera costa seimila euro. “La statua è una vera e propria opera d’arte – ha detto Trapattoni – verrà realizzata da una ditta di Barbata, specializzata nel settore e lo farà gratuitamente. Il Comune provvederà solo ad acquistare i materiali”. L’opera rappresenta la famiglia. Un uomo al centro, spalleggiato da un globo luminoso e affiancato da una donna e dei bambini. Questo è il progetto per la nuova statua.

Il silenzio di Fratus

Oltre a questi investimenti, mille euro circa serviranno per l’acquisto di materiali per il Comune e per opere di manutenzione straordinaria. Tutto regolare insomma. Tranne un insolito silenzio da parte della minoranza, capeggiata da Aurelio Fratus che per tutta la seduta non ha mai mosso una critica all’Amministrazione, contrariamente a quanto fa di solito e nonostante abbia sempre votato contro. “Deve essere stato un gesto di solidarietà – ha ironizzato Trapattoni – dato che io ero senza voce, non ha voluto infierire”.