Tragedia Pioltello l’Agenzia nazionale della sicurezza ferroviaria affonda su Rfi

Arriva una bacchettata dall'Anfs dopo l'analisi della gestione di Rfi a Pioltello, con chiara minaccia finale.

Tragedia Pioltello l’Agenzia nazionale della sicurezza ferroviaria affonda su Rfi
26 Febbraio 2018 ore 16:56

Tragedia Pioltello: l’Agenzia nazionale della sicurezza ferroviaria richiama Rfi e chiede adeguamenti immediati.

Tragedia Pioltello: Rfi bacchettata

Un documento di due pagine redatto dall’Anfs richiama formalmente all’ordine Rfi invitandoli a modificare le modalità di lavoro sulle infrastrutture. Sono 4 le disposizioni obbligatorie che pretendono immediata attuazione che fanno riferimento al binario riparato in maniera approssimativa ma anche all’assenza di limitazioni di velocità. Il direttore dell’Anfs Gargiulo invita a definire “con un protocollo specifico le situazioni critiche a cui debbono fare seguito provvedimenti immediati e restrittivi per la circolazione ferroviaria”. E’ inoltre capitale riuscire a stabilire le situazioni pericolose e limitare di conseguenza la circolazione; tutti accorgimenti che a Pioltello non sono stati presi.

Mancanza di dialogo

Un altro focus riguarderebbe il mancato dialogo fra i tecnici che hanno risolto il problema “al volo” con la tavoletta di legno e le alte sfere. Rfi pretende ora che questo genere di carenze di controllo vengano non soltanto recuperate e corrette, ma anche certificate da un ente indipendente. Bando insomma a soluzioni di fortuna, a favore di un approccio al lavoro più istituzionale e controllato.

La minaccia

Infine una chiusura di rapporto impossibile da travisare: ” La mancata osservanza di quanto disposto può costituire una grave inadempienza in relazione al mantenimento dell’autorizzazione di sicurezza”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia