Menu
Cerca
Solidarietà

Torte di mele per aiutare gli ospedali di Treviglio e Bergamo

"Una mela al giorno", iniziativa benefica del panificio Grisa di Fornovo in pochi giorni ha raggiunto 275 torte ordinate.

Torte di mele per aiutare gli ospedali di Treviglio e Bergamo
Cronaca Gera d'Adda, 05 Aprile 2020 ore 16:33

Vendere cento torte di mele a dieci euro l’una per sostenere le terapie intensive degli ospedali di Bergamo e Treviglio in questo periodo in prima linea nella lotta all’epidemia di Coronavirus. L’iniziativa dei titolari del “Panificio Grisa” in pochi giorni ha ricevuto 275 prenotazioni.

Torte di mele in aiuto agli ospedali

Torte di mele

È proprio in questi tempi difficili che si può ammirare il grande cuore di una gente, quella bergamasca, capace di azioni ammirevoli verso chi ogni giorno scende in campo con impegno e coraggio contro il Covid-19. Una solidarietà fatta di piccoli grandi gesti, come nel caso della campagna di raccolta fondi “Una mela al giorno” lanciata da Martino Grisa e Daniela Quirico, proprietari del Panificio Grisa di Fornovo San Giovanni. L’idea è molto semplice, ma efficace: preparare 100 torte di mele e venderle al costo di 10 euro l’una, per poi devolvere l’intero ricavato all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e all’Ospedale di Treviglio.

Un boom di richieste

L’iniziativa dei due giovani commercianti, partita giovedì 2 aprile, ha subito incontrato la generosità dei cittadini fornovesi e delle città limitrofe, e nell’arco di poco più di 24 ore le prenotazioni sono letteralmente lievitate, arrivando a 275 torte. Il personale del panificio, che in questi giorni non ha mai interrotto l’attività di produzione alimentare e di consegna a domicilio, è ora impegnato in una gustosa impresa, e siamo certi che l’affronterà col sorriso sulle labbra, felice per la bontà dei suoi concittadini. Le prime torte sono già state consegnate ai clienti che hanno aderito all’iniziativa e tante altre arriveranno nelle case di chi le ha prenotate nei prossimi giorni. Dando un piccolo, ma grande sostegno agli operatori sanitari che lavorano da settimane in ospedale per salvare vite.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli