martinengo

Torna l’iniziativa green “adotta un’aiuola”

Approvato il regolamento per consentire ai cittadini di prendersi cura di parte del verde pubblico

Torna l’iniziativa green “adotta un’aiuola”
Media pianura, 10 Agosto 2020 ore 12:49

Approvato il regolamento per l’adozione di spazi verdi e per la donazione di elementi di arredo urbano da parte dei privati. A dare spiegazioni in sede di Consiglio comunale è stato l’assessore Silvia Fumagalli.

Il commento

“L’Amministrazione comunale sa che gli spazi verdi appartengono alla comunità e con questo regolamento diamo la possibilità a tutti di adottarne uno, che sia un aiuola o rotatorie – ha detto l’assessore – ma anche l’inserimento di arredo urbano da parte di realtà private. Adottare uno spazio verde significa piantare delle piante autoctone e pertanto sono escluse le piante da frutto e fiori stagionali. Si garantisce così il decoro del paese. In cambio chi si occuperà degli spazi verdi potrà apporre uno specifico cartello in modo da farsi conoscere alla comunità”.

Il regolamento

Già nel 2005 era stato indetto un concorso per il verde in affido. Attraverso il nuovo documento approvato, si ripropone un’iniziativa che aveva avuto successo, che viene però normata attraverso un vero e proprio regolamento. “Per piccole aiuole antistante l’abitazione non sarà necessario sottoscrivere una convenzione ma basterà che il cittadino manifesti l’interesse di prendersi cura di quel pezzo di verde – ha continuato l’assessore – si riproporrà la cartellonistica già in essere tempo fa, per le aree più grandi si sottoscriverà una convenzione attiva per cinque anni. Si dà la possibilità di esporre cartellonistica pubblicitaria per chi ne avesse la richiesta. Uniamo in questo regolamento anche la possibilità di donazione di arredo urbano, in quel caso l’Amministrazione metterà una targhetta identificativa per far sapere a chi appartiene quell’elemento donato”.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia