Tasse più alte a Treviglio... dal 2019

Il documento, che verrà discusso martedì in Consiglio, prevede l'aumento dell'Irpef dallo 0,65 allo 0,8% e quello dell'Imu dall'8 all'8,6%.

Tasse più alte a Treviglio... dal 2019
Treviglio città, 20 Febbraio 2018 ore 19:24

Tasse più alte a Treviglio a partire dal 2019. Lo prevede il Bilancio di previsione triennale che verrà discusso martedì prossimo in Consiglio comunale. L'anticipazione arriva dalla capogruppo del Pd, Laura Rossoni, che ha pubblicato un post sul suo blog personale.

Tasse

L'anticipazione sull'aumento delle tasse a Treviglio arriva dalla capogruppo del Pd, Laura Rossoni, che ha pubblicato un post sul suo blog personale. «Più spendi e meno recuperi dall’evasione, più fai pagare», ha esordito ironicamente il consigliere di opposizione, sottolineato che nel documento viene praticamente scritto nero su bianco. «E non so se elogiare la trasparenza o segnalare l’ingenuità - ha proseguito Rossoni - Si dice infatti testualmente che nel 2019 “le aliquote Irpef e Imu verranno portate ai massimi consentiti dalla legge per garantire i livelli di spesa dell’amministrazione, mentre l’evasione tributaria resta molto elevata”».

Aumenti

Nel bilancio viene previsto di aumentare l’addizionale Irpef dallo 0,65 allo 0,8% (+23%), mentre l’Imu passerà dall’8 all’8,6 % (+7,5%). «Dunque - ha fatto notare Laura Rssoni - spendiamo, facciamo qualche mutuo in più e facciamo vedere che siamo bravi. Tanto che sarà mai aumentare le tasse? Peccato non si possa fare lo stesso con la Tasi - ha proseguito ironicamente - che è già al 2% e la sommatoria Imu + Tasi non può arrivare a più del 10,6% per colpa del governo di centrosinistra che in 5 anni ha tenuto ferma la pressione fiscale, pur riducendo le tasse sul lavoro e sulle imprese nelle parti più odiose».

Troppi debiti?

La preoccupazione del Partito Democratico è che il Comune si stia indebitando troppo. E che in tal senso ci sarebbero diversi indizi. «Addirittura - ha fatto notare la capogruppo - i 700 mila euro di oneri vengono dispersi nelle spese correnti, mentre 200 mila euro derivanti dalle alienazioni vengono utilizzati per la stessa voce. Insomma si vende il patrimonio per pagare le spese». Una situazione che farebbe emergere dei dubbi anche sul progetto della riqualificazione della circonvallazione interna: inizialmente avrebbe dovuto realizzarlo direttamente l’Amministrazione, mentre ora è stato deciso che se ne occuperà la società partecipata «Treviglio Futura».